Roma, a Palazzo Venezia anteprima della mostra “all’ombra di Caravaggio”

0

(Meridiananotizie) Roma, 15 novembre 2011 – Roma capitale del mondo. Una città piccola, di poco più di 100mila abitanti, sulla quale convergono gli artisti di maggiore spessore provenienti da ogni angolo del mondo. Una realtà cosmopolita, multiculturale e complessa, che raccoglie un patrimonio culturale immenso. È la Roma dei primi anni del Seicento nella quale vengono attratti pesi massimi dell’epoca, tra cui spicca il milanese Caravaggio, seguito da un numero consistente di compagni di viaggio. A raccontare quel fervido clima culturale, durante il quale la Chiesa cattolica si ripropone attraverso l’arte reagendo all’offensiva luterana, è la mostra ‘Roma al tempo di Caravaggio 1600-1630’ a palazzo Venezia di Roma da domani al 5 febbraio. Un periodo, quello inquadrato dall’esposizione romana, che costituisce una fase fondamentale in tutta la pittura italiana del tempo e che viene descritta attraverso 140 dipinti che arrivano dai maggiori musei italiani ed esteri. La mostra, curata dal soprintendente per il Patrimonio Artistico e per il Polo Museale di Roma, Rossella Vodret, descrive un’epoca caratterizzata, nei primi anni del Seicento, oltre che da Caravaggio, dal bolognese Annibale Carracci, capo indiscusso della corrente classicista. L’esposizione dedica l’inizio del suo percorso al dialogo tra i due genii, scomparsi ad un anno di distanza l’uno dall’altro, Carracci nel 1609 e Caravaggio nel 1610. Ad essere presentate, dunque, sono le rispettive versioni de ‘La Madonna di Loreto’, realizzate negli stessi anni. Nella mostra a campeggiare sono opere di Domenichino, Lanfranco, Guido Reni, Albani, che avevano seguito Caracci nella città dei Papi. Dal confronto tra Caravaggio e Annibale Carracci discende dunque, la creatività di altri maestri che hanno arricchito l’ambiente culturale capitolino. Ma la mostra, costata tra 900 mila e un milione di euro, riserva in un certo senso, anche una sorpresa. I visitatori potranno ammirare un “Sant’Agostino” recentemente attribuito a Caravaggio e al centro di un dibattito vivace. Il servizio di Mariacristina Massaro

Print Friendly, PDF & Email
Share.

Comments are closed.