Isola Giglio, guardia costiera: più passa tempo più è difficile trovare qualcuno in vita

1
(Meridiananotizie) Roma, 16 gennaio 2012 – «Più passa il tempo e più si riducono le possibilità di ritrovare qualcuno in vita. Ma c’è speranza e siamo ancora in una fase in cui potremmo trovare qualcuno vivo». Lo ha detto il portavoce delle Capitaneria di porto, il comandante Filippo Marini. Il comandante Marini ha anche riferito che «la situazione si complicherà se dovessero peggiorare le condizioni del mare», spiegando che proprio per questo motivo «le operazioni di soccorso si stanno accelerando. Cerchiamo di essere fiduciosi -ha aggiunto- e speriamo di non trovare più nessuno all’interno della nave e che siano solo degli errori di registrazione, e che le persone si trovino altrove». Il portavoce delle Capitaneria di porto ha anche detto che «al momento proseguono a ritmo serrato le ricerche all’interno della nave. I sommozzatori della Guardia costiera – ha sottolineato il comandante Marini – stanno cercando i dispersi nella parte sommersa, una parte molto impervia della nave nella zona poppiera. Stanno continuando a bussare nelle cabine, a vedere i corridoi e a sentire se c’è qualche rumore». Il servizio di Domenico Lista
Print Friendly, PDF & Email
Share.