Roma, folla di amici e colleghi per ultimo saluto al procuratore di Roma Pietro Saviotti

0
(Meridiananotizie) Roma, 13 gennaio 2012 – Circa mille persone, tra parenti, amici, colleghi, avvocati, esponenti delle forze di polizia, giornalisti e dipendenti del tribunale di Roma, hanno partecipato al funerale di Pietro Saviotti, il capo del pool antiterrorismo di Roma morto prematuramente due giorni fa dopo una giornata di lavoro a Piazzale Clodio. Una chiesa che non è riuscita a contenere tutti i presenti. «Era un uomo delle istituzioni, dello Stato – ha ricordato don Mario Magistrato – una persona intelligente e capace». Presenti, tra gli altri, il presidente della Regione Lazio Renata Polverini, il sindaco di Roma Gianni Alemanno, l’ex segretario del Pd Walter Veltroni, l’ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio Gianni Letta, il sottosegretario all’Interno Giovanni Ferrara, il capo del Dap Franco Ionta, il direttore del Dis ed ex Capo della Polizia Gianni De Gennaro, il questore di Roma Francesco Tagliente. Ricordi di Saviotti sono stati pronunciati in chiesa, da amici e colleghi che si sono stretti intorno alla famiglia, alla moglie e ai due figli. «Diciamo addio – ha detto Luca Palamara, presidente dell’Anm – a un magistrato, un amico, coraggioso e avanti con i tempi, capace di sfruttare al meglio le nuove tecnologie, curioso, di grande umanità». Per Giovanni Salvi, attuale procuratore di Catania e già componente del pool antiterrorismo di Roma, «È stato perduto un uomo dello Stato, che ha rappresentato le istituzioni, di grande umanità». . Al termine della cerimonia un applauso ha salutato il feretro sul sagrato della chiesa del quartiere della Balduina. Dispiaciuto per la perdita inaspettata quanto prematura di Saviotti il sindaco Gianni Alemanno. Il servizio di Mariacristina Massaro
Print Friendly, PDF & Email
Share.

Comments are closed.