Roma, Vittoriano: la storia d’Italia raccontata da secoli di cartografia VIDEO

1

(Merdidiananotizie) Roma, 31 gennaio 2012 – “Antica Cartografia d’Italia” questo il nome della mostra ospitata presso il Complesso del Vittoriano dal 1° febbraio al 4 marzo 2012 che propone una raccolta di circa 200 antiche carte geografiche d’Italia e stampe di battaglie del Risorgimento della collezione Gianni Brandozzi realizzate dal XV al XX secolo. L’esposizione, a cura dell’Unità Tecnica di Missione per le celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia e dell’Associazione Culturale Giovane Europa è organizzata e realizzata da Comunicare Organizzando di Alessandro Nicosia. Il percorso, tra le antiche carte d’Italia dal XV al XIX secolo inizia dalle affascinanti immagini delle prime carte tolemaiche, con un’Italia appena abbozzata, come in un prezioso incunabolo cartografico. Da questi spunti iconografici, inizia un graduale processo raffigurativo che porterà, nel giro di un secolo, ad immagini via via più perfette e rispettose della realtà. A parlarcene il curatore della mostra. Carta simbolo della mostra è “Panorama Italiano” del 1861, voluta da Cavour per festeggiare la nascita del nuovo stato; la carta, molto rara, manca alle principali biblioteche d’Italia.

Molto ricco è l’apparato delle carte risorgimentali con delle vere chicche inedite sulla guerra del ’48 a Roma con stampe da dagherrotipi. Da questi spunti iconografici, inizia un graduale processo raffigurativo che porterà, nel giro di un secolo, ad immagini via via più perfette e rispettose della realtà. L’ultima sezione è dedicata all’Italia nelle carte satiriche, una raccolta di carte umoristiche dove vengono rappresentate le tensioni politiche dei vari paesi d’Europa tra ‘800 e ‘900. Come sottolinea Paolo Peluffo, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri per le Celebrazioni del 150° Anniversario dell’Unità d’Italia, “C’è un solo simbolo – nelle ricerche sull’immaginario sedimentato nelle abitudini mentali degli italiani – che contenda al tricolore la natura di segno principe dell’identità nazionale. E’ lo “stivale, la penisola”.
La mostra diventa così un importante strumento di approfondimento, una sorta di grande lente di ingrandimento che facilita la lettura della storia e la ricerca delle origini d’Italia. Il servizio di Luisa Deiola

Altre videonews su cultura


Share.