Roma, giorno del ricordo foibe: Pomarici importante far tesoro verità per memoria VIDEO

0

(Meridiananotizie) Roma, 6 marzo 2012 – Celebrazione del «Giorno del Ricordo» dei martiri delle foibe istriane e dell’esodo delle popolazioni giuliano-dalmate in campidoglio. Presenti alla cerimonia 120 studenti e docenti delle 20 scuole superiori di Roma che, dal 14 al 16 febbraio scorsi, hanno partecipato al Viaggio della Memoria in Istria. Gli studenti hanno letto alcuni brani tratti dal libro «Quando ci batteva forte il cuore», di Stefano Zecchi, e hanno parlato del loro viaggio in Istria; due esuli istriani hanno inoltre raccontato ai ragazzi la loro storia.

«Nel viaggio in Istria siamo partiti in un modo e siamo tornati in un altro: siamo stati cambiati, soprattutto dall’incontro con le persone di quelle terre. La giornata del ricordo, ha un senso se si trasforma in speranza ed in una testimonianza da trasmettere al prossimo» queste le parole dell’assessore alla Famiglia di Roma Capitale di Gianluigi De Palo che ha accompagnato gli studenti delle scuole che partecipano al progetto “Roma nel cammino della memoria”.

“È importante far tesoro della verità dei fatti per diffondere una memoria che ha già rischiato di essere cancellata dalla congiura del silenzio e che è un dovere tramandare alle generazioni future» queste le parole del presidente dell’Assemblea Capitolina Marco Pomarici. La Giornata del Ricordo si è conclusa con l’intervento del sindaco di Roma, Gianni Alemanno che si è espresso riguardo alle foibe sostenendo che fanno parte di una memoria condivisa e non possono essere ignorate, né tantomeno essere frutto di letture ideologiche.

Il servizio di Luisa Deiola.

Altre videonews su Cronaca:

Roma, centinaia di reperti archeologici scoperti in un’abitazione a Sacrofano. Un denunciato VIDEO

Roma, mobilità: presentato nuovo sistema per richiedere pass a permessi Ztl on line VIDEO

Roma, Gdf sequestra beni per 4mln di euro ad organizzazione cinese specializzata in contraffazione VIDEO

Share.

Comments are closed.