Roma, dalla famiglia Getty in prestito a Palazzo Barberini l’opera di Salviati VIDEO

0

(Meridiaananotizie) Roma, 9 marzo 2012 – Allegoria della carità. Questo il nome dell’opera di Francesco Salviati uno dei protagonisti di spicco del manierismo tosco-romano nella sua stagione più stimolante, caratterizzata da un gusto per la bella materia, per il dettaglio prezioso , per l’invenzione artificiosa. L’opera, esposta nella galleria nazionale di arte antica a Palazzo Barberini è stata offerta in comodato per 5 anni dalla famiglia Getty.   opera salviati

La composizione è grandiosa e nel contempo preziosa come un gioiello di cui possiede la consistenza smaltata, i colori perlati e il tono porcellanato dei corpi nudi. La figura della Carità occupa l’intero spazio della tavola nella curiosa posa semisdraiata, ripresa da Michelangelo di cui eredita anche l’abilità anatomica, evidente nel disegno del corpo femminile.

Completano la scena le altre figure allegoriche, nude anch’esse, e la lampada in metallo sbalzato dipinta sul fondo, che emana bagliori incandescenti e che, insieme con i numerosi dettagli decorativi con cui l’artista arricchisce la composizione, è caratteristica del vasto repertorio ornamentale salviatesco. Caratteristica di Salviati è anche l’interpretazione iconografica inconsueta del tema della carità che allatta i putti, che, nella variante dell’artista, evoca anche la contrapposizione tra Amor sacro e Amor profano.

Il servizio di Leonardo Cerquiglini

Altre Videonews su Cultura

Roma, Imprese da favola: Italia prima in Europa per presenza di donne imprenditrici VIDEO

Roma, al Vittoriano dopo 60 anni in mostra il genio e l’arte di Salvador Dalì VIDEO

Share.

Comments are closed.