Roma, il movimento acqua pubblica protesta per far rispettare referundum sull’acqua VIDEO

1

(Meridiananotizie) Roma, 12 aprile 2012 – Acea non si tocca, giù le mani dalla broccà, Alemanno l’acqua non si vendè.  Questi alcuni cartelli esposti durante un sit in a Piazzale Ostiense. Un presidio per ricordare ad Acea di rispettare il referendum sull’acqua «che ormai è diventato legge». Ad organizzarlo questa mattina il coordinamento romano Acqua Pubblica che è sceso in piazza per chiedere «la cancellazione della remunerazione del capitale sulle bollette».

«Oggi consegniamo ad Acea circa 300 reclami da parte sia di utenze individuali che condominiali – ha spiegato Alfonso Perrotta del coordinamento romano Acqua Pubblica – e con questi arriviamo ad oltre mille richieste consegnate all’azienda per chiedere la cancellazione della remunerazione del capitale sulla bolletta, pari al 7%. C’è stato un referendum, che è diventato legge, e l’Acea si ostina ad intascare illegalmente soldi che non dovrebbe».  acqua pubblica

Durante il presidio davanti l’entrata di Acea in piazzale Ostiense i manifestanti hanno distribuito volantini con su scritto ‘Cancelliamo il profitto dalla nostra bolletta dell’acquà ed hanno esposto dei cartelli: ‘Acea non si tocca, giù le mani dalla broccà, ‘Alemanno tutto un dannò, ‘Alemanno l’acqua non si vendè, ‘Acea ti vogliamo un bene comunè.

Il servizio di Leonardo Cerquiglini

Altre VideoNews su Cronaca

Roma, Campidoglio e Confcommercio insieme per la lotta all’usura e al racket VIDEO

Roma, da Cisal e Consap monito al governo: tutelare la pensione dei poliziotti VIDEO

Print Friendly, PDF & Email
Share.