Roma, da Pd no a privatizzazione di Acea Alemanno rispetti referendum 2011 VIDEO

0

(Meridiananotizie) Roma, 23 aprile 2012 – Il gruppo capitolino del Pd annuncia battaglia contro la delibera per la cessione del 21% della quota azionaria del Comune di Roma in Acea. Nel considerare illegittima la delibera sulla vendita di parte della quota azionaria della società, il Pd ha elencato una serie di ragioni per cui la Giunta dovrebbe ritirare il provvedimento. Tra le proposte di rilancio formulate dal Pd: il miglioramento della capacità di incassare i crediti verso i clienti, la costituzione di una società pubblico-privata per il trattamento di rifiuti con capofila Acea, l’alienazione di beni attraverso procedure di cartolarizzazione che potrebbero produrre incassi per 60 milioni, lotta agli sprechi a partire dalle consulenze (10 milioni di risparmi stimati) e adeguamento di alcune categorie di tariffe (20 milioni di incassi stimati).foto pd acea

“Bisogna rispettare il risultato del Referendum con cui l’anno scorso gli italiani hanno ribadito il loro no alla privatizzazione dell’acqua. Dal 2008 ad oggi il titolo di Acea è passato da 13,3 a 4,4 euro: procedere oggi alla cessione del 21% di quote vorrebbe dire svendere a prezzo di saldo la prima azienda pubblica di Roma”, ha commentato Dario Nanni, consigliere comunale del PD di Roma. “Se il sindaco  – ha aggiunto Paolo Masini,  consigliere del Pd di Roma – decidesse di andare avanti sulla strada di questa forzatura approvando questa delibera truffa, siamo pronti a promuovere un referendum per abrogarla.”

Il servizio di Annarita Barbetta

Altre videonews su Politica:

Roma, bilancio: da Udc capitolina proposte per migliorare manovra VIDEO

Roma, immobiliare: da Asia e Italia necessità di condividere metodologie di misurazione e valutazione

Roma, Gasparri: obbiettivo del pdl è di unire moderati che sono la maggioranza VIDEO

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Share.

Comments are closed.