Roma, Gdf smaschera giro di fallimenti pilotati. Cinque gli imprenditori arrestati VIDEO

1

(Meridiananotizie) Roma, 11 maggio 2012 – I Finanzieri del Comando Provinciale di Roma hanno eseguito, nelle province di Milano, Verona e Pavia, 5 provvedimenti restrittivi della libertà personale, di cui 3 in carcere e 2 ai domiciliari, nei confronti di noti imprenditori svizzeri che, tramite una fitta rete di società ed una artificiosa serie di fallimenti «pilotati», si erano costantemente sottratti agli obblighi di versare all’Erario circa 100 milioni tra imposte e tasse dovute. I membri della famiglia elvetica proprietaria dell’impero industriale dimoravano in Italia e in alcuni casi amministravano le diverse società mediante «teste di legno». Le indagini delle Fiamme Gialle di Velletri – coordinate dalla Procura della Repubblica della Capitale –  hanno preso spunto dal sospetto trasferimento della sede di una delle società del gruppo, la Nathesy S.r.l. che, dalla provincia di Milano, si era spostata in un garage di un piccolo comune dei Castelli Romani, dove poi è iniziata la procedura fallimentare.

Successivi sviluppi hanno evidenziato come gli imprenditori elvetici avessero costruito, negli anni, un sistema labirintico fatto di nuove società, prestanome e movimenti di beni immobili e capitali: una struttura ben articolata finalizzata allo svuotamento e al successivo fallimento di società, ormai gravate da ingenti debiti per imposte e contributi previdenziali non versati, retribuzioni dei dipendenti non corrisposte, forniture non pagate e finanziamenti non restituiti. Tra le società coinvolte nell’inchiesta, spicca la posizione della «I.M.C.O. Spa», proprietaria di un noto marchio di batterie di pentole, commercializzate sia sul territorio nazionale che all’estero, leader nel settore della vendita porta a porta. I militari, dopo aver tratto in arresto i componenti della famiglia, hanno, poi, sequestrato, con l’ausilio di altri reparti del Corpo, le quote societarie di 10 aziende ed oltre 30 immobili su tutto il territorio nazionale, il cui valore si aggirerebbe in circa 40 milioni di euro. È stato inoltre tratto in arresto R.G che in molte società fallite ha rappresentato la figura di «testa di legno» a beneficio dei reali amministratori.

Il servizio di Cristina Pantaleoni

Altre videonews di Cronaca

Roma, da GdF arresti per abuso attività finanziaria. Sequestrate 9.000 polizze da 650 mln VIDEO

Roma, Unindustria: necessario patto comune tra Capitale e province per crescita VIDEO

Roma, Equitalia: busta sospetta recapitata nella sede romana non poteva esplodere VIDEO

Share.