“Workers – pronti a tutto” pur di lavorare. Il lato comico del precariato esplorato da Lorenzo Vignolo VIDEO

1

(Meridiananotizie) Roma, 21 maggio 2012 – Il lavoro oggi si trova sempre meno, e molto spesso bisogna arrangiarsi. Con umorismo e spirito di intraprendenza. Lorenzo Vignolo ci racconta, in questa commedia a episodi, l’attualissima questione della disoccupazione under30. Workers – pronti a tutto è un film godibile e ironico, dal sapore dolceamaro, che affronta con leggerezza e un pizzico di sarcasmo gli aspetti tragicomici del precariato. Una vera e propria piaga sociale che costringe i giovani ad adattarsi a ogni tipo di situazione pur di guadagnare.

Raccontate dalla voce di Sandro (Alessandro Bianchi) e Filippo (Michelangelo Pulci), proprietari dell’agenzia interinaleWorkers”, si snodano le storie di tre giovani che si ritrovano a svolgere lavori inverosimili e grotteschi. Giacomo (Alessandro Tiberi), bamboccione minacciato di sfratto accetta un posto come badante, e si ritrova a gestire i volubili umori di Mario Spada (Francesco Pannofino), disabile sadico dedito all’alcol e al poker. Italo (Dario Bandiera), lavora come addetto alla raccolta del seme in un allevamento di tori. Quando conosce e si innamora di Tania (Daniela Virgilio) fa di tutto per nascondere la sua vera occupazione fingendosi chirurgo, dando luogo a esilaranti conseguenze. Alice (Nicole Grimaudo) aspirante truccatrice, non trovando lavoro nel mondo dello spettacolo accetta di truccare i morti per un’agenzia di pompe funebri. Fin quando non incontra Saro (Paolo Briguglia), mafioso siciliano che, vista la somiglianza di lei con la sua defunta moglie, le propone di impersonarla davanti a suo padre, un ottimo Nino Frassica nei panni del temibile Don Ciccio Tartanna. Un film a tratti dissacrante a tratti riflessivo sui temi caldissimi della disoccupazione e del lavoro.

Rosa Corsi

Print Friendly, PDF & Email
Share.