Da Salvamamme aiutate 245 famiglie di 36 nazionalita’ diverse VIDEO

3

(Meridiananotizie) Roma, 24 luglio 2012 – 245 famiglie di cui 41 italiane e 259 bambini 36 di nazionalità diversa di cui il 17% italiani hanno ricevuto assistenza al centro “Salvamamme Passerotti” 

attraverso la collaborazione dell’ospedale San Camillo. Sono questi i risultati annuali del progetto “Salvamamme Passerotti” presentati oggi nel corso di una conferenza stampa al Parlamento Europeo. L’iniziativa, sostenuta dalla Presidenza del Consiglio e dall’Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini, mira a sostenere le famiglie in condizioni di disagio socio-economico con bambini nati con particolari fragilita’ nell’importante percorso di crescita nel loro primo anno di vita.

A parlarci del progetto Grazia Passeri presidente Salvamamme. “I bambini assistiti devono diventare italiani” Queste le parole di Aldo Morrone direttore generale del San Camillo. Il progetto, nato nell’agosto del 2011, nasce con la finalità di rafforzare le politiche di prevenzione e di contrasto alle situazioni di povertà estrema e di marginalità sociale nelle aree urbane oltre che promuovere politiche per l’inclusione e la coesione sociale. I processi di impoverimento infatti sono differenziate per aree territoriali a seconda del grado di coesione sociale e della qualità dei servizi disponibili oltre che per grado di cultura e ambiente familiare.

Così la Dott.ssa Elsa Buffone primario del reparto materno infantile del San Camillo.

Il servizio di Luisa Deiola.

Altre videonews su Cronaca:

Roma, in piazza contro effetti penalizzanti “spending review”. Pedica necessita tutela lavoratori VIDEO

Roma, Federmeccanica estromette Fiom dal tavolo trattative: operai manifestano davanti Confindustria VIDEO

Roma, da GDF piano straordinario di controlli fiscali su Capitale e provincia: sequestri e 51 denunce VIDEO

Share.