Parco Aguzzano, antifascisti aggrediti da Casapound VIDEO

0

“La scorsa notte nel Parco di Aguzzano si stava tenendo una festa organizzata da ragazzi e ragazze del IV municipio che in questi anni hanno condiviso all’interno delle scuole del territorio percorsi di movimenti e di aggregazione sociale e culturale. Un momento per stare insieme, ballare, ritrovarsi alla fine dell’estate e prima dell’inizio del nuovo anno. Verso le due e mezzo del mattino, a festa ormai finita una ventina di neofascisti appartenenti a Casa Pound e Blocco Studentesco hanno aggredito i partecipanti alla festa con caschi e bastoni”. Così, in una nota, gli antifascisti del Municipio IV: “Il risultato? Quattro ragazzi hanno dovuto ricorrere alle cure mediche in ospedale con lesioni alla testa e in altre parti del corpo e molti altri sono rimasti contusi – continua la nota – L’ennesimo atto di violenza neofascista dopo la stagione segnata dalle aggressioni targate Casa Pound durante l’occupazione di via Val d’Ala culminate con l’agguato ai giovani del Partito democratico, tra cui il capogruppo municipale Paolo Marchionne, lo scorso novembre, di cui sono stati riconosciuti responsabili noti dirigenti dell’organizzazione neofascista”. In merito all’aggressione a Talenti denunciata oggi, Casapound smentisce il suo coinvolgimento: Casa Puond Italia e il Blocco Studentesco sono totalmente estranei alla presunta aggressione avvenuta questa notte in zona Talenti a Roma, durante una festa svolta al parco di Aguzzano.”

Continua il comunicato: “Chi vuole tirarci in mezzo a queste vicende lo fa con il solo intento di gettare discredito sul nostro movimento e tentare di negarci l’agibilità politica in un anno, quello delle elezioni amministrative, di vitale importanza per la politica della città di Roma”. Così in una nota il movimento smentisce il proprio coinvolgimento nella vicenda, ipotizzato invece da alcuni organi di stampa. Ad alimentare il clima d’odio nei nostri confronti all’interno del quarto municipio, come hanno dimostrato le continue aggressioni da noi subite durante l’occupazione dello stabile di via Val d’Ala 200 e la bombacarta posta sotto l’abitazione di Alberto Palladino, sono proprio gli stessi esponenti della sinistra antagonista che oggi tentano di tirarci in mezzo ad una storia con la quale non abbiamo nulla a che fare”.

Altre videonews di Cronaca

Municipio XVII, consigliere Pdl boicotta seduta su accorpamento VIDEO

Operazione “Babele”, sgominata banda che riciclava macchine edili: 11 arresti VIDEO

Esodo estivo 2012: più traffico, meno disagi e forte pendolarità VIDEO

Print Friendly, PDF & Email
Share.

Comments are closed.