Bilancio, Campidoglio approva manovra da oltre 10 miliardi VIDEO

1

(Meridiananotizie) Roma, 7 novembre 2012 -Il bilancio previsionale di Roma Capitale ammonta a un totale complessivo di 10.252.360.680 euro, di cui 5.241.980.000 in parte corrente e 5.010.380.680 per il piano investimenti. L’ultima manovra d’aula di questa notte ha previsto: maggiori spese per 9.200.000 euro con una copertura mediante maggiori entrate per 3.952.000 e minori spese (tagli) per 5.500.000 euro, per un totale di 9.452.000 euro. La differenza di 252mila euro determina un avanzo di gestione che viene destinato al finanziamento degli investimenti, di cui 150mila per l’autorecupero degli immobili di via Saredo, via Grenet, via Marica. In particolare, per quanto riguarda le maggiori spese: al dipartimento Tutela ambientale e del verde + 2milioni, al dipartimento Politiche abitative (buono casa) +1 milione, al dipartimento Manutenzione urbana (manutenzione scuole elementari) + 600mila euro, al dipartimento Promozione sociale e salute + 1.700.000 euro, al dipartimento Cultura + 1 milione e, infine, ai Municipi (manutenzione scuole, servizi sociali e strade) + 3milioni per un totale di 9.300.000. Per quanto riguarda i tagli: al dipartimento Promozione sociale e salute -609.664 euro, al dipartimento Patrimonio -300mila euro, al dipartimento Urbanistica -340mila euro, al dipartimento Sviluppo infrastrutture e manutenzione urbana -867.388 euro, Direzione esecutiva -400mila euro, al Gabinetto del sindaco -550mila euro, al dipartimento Politiche riqualificazione periferie -300mila euro. E ancora: -261.740 al dipartimento Partecipazioni, -374.084 al dipartimento Tutela ambientale, -414mila euro al corpo di polizia, -825mila euro all’assemblea capitolina, -156.185 euro alla ragioneria generale e alla voce “altri” -101.940. Infine, per quanto riguarda le “maggiori entrate”: 1 milione di entrate tributarie e 2.952.000 di entrate extratributarie.

Il bilancio 2012, rispetto al 2011, prevede: alla mobilità (Atac) +50 milioni, all’ambiente +25 milioni, al sociale +18 milioni, alla Sovrintendenza capitolina +5 milioni e alle risorse tecnologiche +1 milione. Alla razionalizzazione acquisti -10 milioni, all’assemblea capitolina -3 milioni, al Gabinetto del sindaco -5 milioni, alle infrastrutture -11 milioni, alle politiche abitative -6 milioni, alle risorse economiche -5 milioni, alla cultura – 8 milioni, alla manutenzione urbana -11 milioni, ai municipi -15 milioni. “Non ci credeva più nessuno” al fatto che si sarebbe arrivati all’approvazione del bilancio di Roma Capitale “ma con pazienza e tenacia abbiamo portato la città fuori da un vicolo cieco”. Lo ha affermato il sindaco Gianni Alemanno presentando il bilancio in Campidoglio assieme all’assessore capitolino al Bilancio Carmine Lamanda, il capogruppo del Pdl Luca Gramazio e il presidente della commissione capitolina bilancio Federico Guidi.

Sono due gli aspetti del bilancio che il sindaco ha tenuto a sottolineare. Il primo “la svolta storica che arriva con i 230 milioni messi in campo per lo sviluppo derivanti dall’alienazione del patrimonio” e in secondo luogo “lo sforzo fatto sul sociale” con un aumento di 20 milioni di risorse investite che “non significa più servizi ma compensare i tagli per non lasciare nessuno indietro, in particolare le fasce deboli”. Con “l’ostruzionismo fatto in aula” che ha portato all’approvazione del bilancio “dopo sette mesi”, l’opposizione “ha fatto un regalo all’antipolitica e al Movimento 5 Stelle”. Ne è convinto il sindaco Gianni Alemanno che, presentando la manovra approvata questa mattina in aula Giulio Cesare, ha sottolineato di averlo fatto notare ai consiglieri di minoranza nel suo ultimo intervento in aula. “Dando l’immagine di un’istituzione bloccata – argomenta il sindaco – si regalano voti al Movimento 5 Stelle o all’astensionismo”. Un ostruzionismo, quello dell’opposizione, che secondo Alemanno “é partito dalla delibera, pur legittima, su Acea, su cui l’opposizione ha posto problemi ideologici. Dopo si è innescato un meccanismo inerziale: tra falchi e colombe si è arrivati fino alla diffida del prefetto cui è seguita l’intesa con un emendamento virtuoso. Mi chiedo perché questo emendamento non sia stato fatto a luglio. Il bilancio poteva arrivare mesi fa”.

Il servizio di Andrea Fiorilli

Altre videonews di cronaca:

Istituto Sarandi, studenti in piazza per diritto allo studio VIDEO

Difesa dei minori delle periferie, il dossier “Sguardi Oltre” ne racconta le storie VIDEO

Nel Centro Storico in arrivo i nuovi camioncini dei gelati VIDEO

Print Friendly, PDF & Email
Share.