Istituto Sarandi, studenti in piazza per diritto allo studio VIDEO

3

(Meridiananotizie) Roma, 07 novembre 2012 – ‘No Aprea’, ‘No ai tagli e alla privatizzazione della scuola’, questi gli slogan sugli striscioni della protesta che si è svolta stamani davanti la sede del IV Municipio a piazza Sempione e che ha visto gli studenti dell’Istituto di via Sarandi manifestare contro i tagli alla scuola. Sotto accusa l’ex legge Aprea, odierna 953, attualmente in discussione presso le Commissioni parlamentari e che prevede, tra le altre cose, la privatizzazione della scuola pubblica, come hanno spiegato i rappresentanti d’istituto e gli studenti presenti. Non è mancato l’appoggio da parte del presidente del IV Municipio Cristiano Bonelli e dell’assessore alla Scuola e alle Politiche Sociali Francesco Filini che hanno voluto dimostrare la loro solidarietà agli studenti apponendo uno striscione fuori il palazzo municipale con la scritta “Il Municipio IV al fianco degli studenti contro i tagli dei ‘professori’ al Governo”.  SARANDI

Stanno lottando per un loro diritto e siamo al loro fianco” ha dichiarato Bonelli. “Riteniamo che sia un’enorme paradosso che siano proprio i professori al Governo del Paese a tagliare su tutto, non risparmiando nemmeno l’istruzione. Gli enti locali ricevono tagli con la scure, il sistema dell’istruzione e della sanità vengono massacrati, di questo passo di ‘pubblico’ rimarrà solo il debito che dopo un anno di ‘Governo dei Professori’ è cresciuto di circa 90 miliardi, ha infine dichiarato Filini. Per venerdì 9 novembre previsto un sit-in di protesta, promosso dagli studenti di via Sarandi contro i tagli e la privatizzazione della scuola pubblica davanti al Ministero dell’Istruzione.

Il servizio di Antonella D’Angelo

Altre videonews su Cronaca

Difesa dei minori delle periferie, il dossier “Sguardi Oltre” ne racconta le storie VIDEO

Nel Centro Storico in arrivo i nuovi camioncini dei gelati VIDEO

Ministro Catania annuncia 300 milioni in alimenti per i poveri VIDEO

Print Friendly, PDF & Email
Share.