Regione Lazio, da rapporto sulla sicurezza in aumento rapine e spaccio VIDEO

0

(Meridiananotizie) Roma, 16 ottobre 2012 – Le 5 province del Lazio hanno registrato nel 2011 un omogeneo incremento dei fatti criminosi: dai 284.511 casi del 2010 si è infatti passati ai 311.837 del 2011. Questo quanto emerge dal “Rapporto sullo stato della sicurezza e sull’andamento della criminalità nel Lazio” realizzato dall’Osservatorio regionale sulla Sicurezza e la Legalità. Nella fattispecie si conferma un maggiore indice di delittuosità nei comuni lungo la fascia litoranea della Regione, compreso il comune di Roma, mentre la Provincia con il più basso tasso di criminalità rimane quella di Rieti.

In particolare i reati che hanno subito un maggiore incremento sono le rapine e lo spaccio di stupefacenti. A parlarne l’assessore regionale alla Sicurezza, Giuseppe Cangemi: “C’è un leggero aumento di fatti criminosi nella provincia di Roma. La provincia più tranquilla è la provincia di Rieti e invece ci sono situazioni preoccupanti a Frosinone e Latina. Dati preoccupanti sono quelli emersi sul litorale romano. Quindi una situazione complessa che stiamo analizzando e stiamo comunicando con questo lavoro”.

A presentare il rapporto sulla criminalità nel Lazio il presidente dell’Osservatorio sulla Sicurezza della Regione Lazio, Rosario Vitarelli: “I reati che hanno avuto un aumento più sensibile sono le rapine. Ma quello che più può preoccupare la nostra regione a prescindere dall’aumento dei reati contro la persona è il traffico di stupefacenti che quest’anno ha visto dei primati nel Lazio con dei sequestri per oltre 5000 kg di hashish che è primato nazionale”.

Il servizio di Francesca Ferrajolo

Altre videonews di cronaca:

Federconsumatori, salvarsi dalla crisi e dagli sciacalli si puo’ VIDEO

Idi a rischio chiusura, lavoratori in piazza senza stipendio da mesi VIDEO

Ex legge Aprea, insegnanti a Roma per dire no a provvedimento VIDEO

Print Friendly, PDF & Email
Share.

Comments are closed.