Serena Dandini a teatro per difendere le donne “Ferite a morte” VIDEO

1

dandini(Meridiananotizie) Roma, 15 novembre 2012 – “Non basta un megafono per farti sentire se da tre mesi sei in fondo a un pozzo, nessuno ti trova e non sai come gridarlo che sei lì, proprio dentro casa!, e che è stato proprio tuo marito a buttartici”. Con il suo lavoro teatrale “Ferite a morte” Serena Dandini vuole dare voce alle donne che hanno perso la vita per femminicidio. I racconti che s’ispirano a storie di vita realmente accadute hanno lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica alla sottoscrizione della “Convenzione NO MORE! che chiede al Governo e alle istituzioni italiane di discutere urgentemente le proposte in materia di prevenzione, contrasto e protezione delle donne dalla violenza maschile e la ratifica immediata della Convenzione del Consiglio d’Europa (Istanbul 2011).

“Lo stato italiano è stato più volte redarguito dalle Nazione Unite per il suo scarso impegno nel contrastare il fenomeno sempre più diffuso della violenza sulle donne dentro e fuori la famiglia” ha dichiarato Vittoria Tola, Responsabile nazionale dell’Udi. A supporto della Dandini nella stesura dell’opera teatrale Maura Misti, demografa e ricercatrice del CNR.

Il servizio di Giulia Terrana

Altre videonews di Cultura

“Gesu’ nostro contemporaneo”, confronto sul Nazareno. Ruini: nuovi spunti sulla Resurrezione VIDEO

Umberto I, Alessio lancia allarme: “Senza fondi il Policlinico a rischio degrado” VIDEO

Con adotta un monumento 6000 mila studenti custodi della bellezza VIDEO

Print Friendly, PDF & Email
Share.