Aci e Censis insieme per il rapporto sulla crisi senza precedenti dell’auto VIDEO

1

(Meridiananotizie) Roma, 18 dicembre 2012 – “Passerà la nottata dell’auto?” Se lo chiedono ACI e Censis nella ventesima edizione 2012 del “Rapporto Auto”, presentata questa mattina a Roma da Automobile Club d’Italia e dalla Fondazione Censis. Il profilo che emerge è quello di un comparto stretto nella morsa di una crisi senza precedenti, chiamato a fronteggiare prospettive tutt’altro che rasserenanti. Crollano le vendite di auto, moto e ciclomotori. Dimezzata la propensione all’acquisto di auto nuove, dal 7,4% nel 2011 al 3,7% di quest’anno. Il 52,6% degli intervistati non ha intenzione di comprare un’auto nei prossimi tre anni. Di segno negativo anche il mercato dell’usato. L’auto costa in media 3.425 euro l’anno, la benzina è aumentata in dieci mesi del 16% ed il costo al chilometro è cresciuto dell’11,3%. L’assicurazione è aumentata del 3,2%. CENSIS

La crisi, però, ha anche qualche ricaduta positiva: crescono le rottamazioni, si riducono i consumi di carburanti, diminuiscono gli incidenti e i morti sulle strade. Positivi i riflessi anche sul fronte dei comportamenti, dove l’impoverimento rende tutti più virtuosi: si riducono drasticamente le infrazioni; l’uso del mezzo privato si concentra nei week-end, si utilizzano di più mezzi pubblici e biciclette. “L’automobile è ormai un lusso di cui però non si può fare a meno perché non c’è ancora alternativa” dichiara Angelo Sticchi Damiani, presidente dell’ACI. “Negli anni Settanta l’automobile era un simbolo della classe media, oggi non lo è più” spiega il Presidente Censis, Giuseppe De Rita.

Il servizio di Giulia Terrana

Altre videonews di Cronaca

Percepivano 500 euro al mese dall’Inps. Pizzicati 34 anziani residenti all’estero VIDEO

Troppi bannati su Twitter, il sindaco Alemanno diventa Alebanno VIDEO

Scuola di cinema Gian Maria Volonté, a gennaio 2013 il nuovo bando gratuito per 66 allievi VIDEO

Print Friendly, PDF & Email
Share.