Lavoro nel Lazio? Per UPI-EURES donne e giovani i più colpiti VIDEO

2

(Meridiananotizie) Roma, 06 dicembre 2012 – Anche nel 2011 l’economia del Lazio ha risentito fortemente delle turbolenze finanziarie e dell’indebolimento del ciclo economico internazionale riflettendosi sullo stato di salute del sistema economico-produttivo. Aumenta la disparità tra i territori e tra la fasce di popolazione agiate e quelle più deboli. Investito negativamente anche il mercato del lavoro dove le donne e i giovani sono sempre più spesso costretti a scegliere tra disoccupazione, sottoccupazione e precarietà. Questo è quanto è emerso dal Rapporto 2012 UPI Lazio-Eures sullo stato delle Province della regione.

Si assiste nella regione ad una riduzione del numero degli occupati dello 0.2% rispetto all’anno precedente. Più colpita l’occupazione maschile (-0,6 punti, scendendo al 69%), mentre quello femminile (49%) conferma i valori dell’anno precedente. A livello regionale, a fronte di una riduzione degli occupati a tempo pieno (-1,2% tra il 2010 e il 2011), si assiste ad una contestuale crescita di lavoratori part-time (+4,9% tra il 2010 e il 2011), favorita sia dal processo di terziarizzazione della struttura economica sia, soprattutto, dalla riduzione della qualità e garanzia del lavoro favorita dalla globalizzazione e dalla crisi.

Mentre si registra una riduzione del numero dei disoccupati che scendono a 219mila unità rispetto alle 231.600 della media 2010, interessando in misura maggiore la componente femminile dell’offerta (-7,4%) rispetto a quella maschile (-3,8%). La riduzione più forte si rileva a Latina e Roma, seguite da Frosinone.

La situazione occupazionale dei giovani conferma la collocazione del Lazio tra le regioni “deboli” d’Europa: La disoccupazione giovanile (15-24 anni) ha raggiunto nel 2011 il suo massimo storico dal 2004, attestandosi al 33,7%. A livello provinciale i dati più negativi sono quelli di Viterbo, dove sale al 43,4%, seguita da Roma, che con un incremento di 5,6 punti raggiunge il 36,1%.

Il credito erogato alle imprese nel Lazio è diminuito dell’1% nel primo semestre del 2012 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (-4% in Italia). Il credit crunch ha interessato principalmente la provincia di Rieti (-13,7%) e, in misura più contenuta, Latina (-1,6%), Viterbo (-1,4%) e Roma (-0,9%), a fronte di un pur contenuto incremento a Frosinone (+0,4%). La quasi totalità del credito (92%) risulta destinata alle realtà imprenditoriali più grandi (20+ addetti), mentre le imprese più piccole presentano le maggiori difficoltà di accesso al mercato finanziario, registrando nel I semestre 2012 una più consistente dinamica negativa (-2% nel Lazio e -5,1% in Italia).lazio

Sale, inoltre, nel Lazio nel 2011 a 79% il tasso di indebitamento, ovvero l’esposizione al credito in rapporto al reddito disponibile, risultando peraltro in crescita in tutti i territori rispetto all’anno precedente (+ 3,8 punti), con i maggiori scarti a Latina (+4,4 punti), seguita da Roma (+3,9 punti), Frosinone (+3,6 punti), Rieti (+3,2 punti) e Viterbo (+2,4 punti), con valori compresi tra il 51,8% della provincia di Frosinone e il 76,4% di Roma.

L’approfondita analisi degli aspetti della società del Lazio, soprattutto per quel che riguarda la sfera economica – ha spiegato Antonello Iannarilli, Presidente dell’UPI Lazio – conferma e denuncia una situazione di allarmante ineguaglianza, da tutti percepita.

Il servizio di Teresa Ciliberto

Altre videonews di Cronaca

Spending review, Provincie manifestano contro accorpamenti VIDEO

Santo Padre ma la papmobile dove la tiene? Ecco i tweet a #askpontifex VIDEO

Acilia, fermato il giovane rapinatore. Ad incastrarlo un video shock VIDEO

Print Friendly, PDF & Email
Share.