Indagine CRI-CEnsis, 80% ancora volontario tra 10 anni, il 18% per mancanze statali VIDEO

1

(Meridiananotizie) Roma, 11 gennaio 2013 – La scelta di impegnarsi nel volontariato nasce dalle piccole esigenze quotidiane, dal voler aiutare in maniera concreta la propria comunità e dall’interesse per le attività che la Croce Rossa italiana svolge sul territorio, ma anche attraverso familiari e amici, che si dimostrano sempre più un veicolo di avvicinamento. Questo è quanto dimostra la prima indagine Cri – Censis dal titolo “Il valore sociale dell’altruismo.L’identikit dei volontari di Croce Rossa”, come spiega Giuseppe De Rita, Presidente Censis.

Dallo studio emerge come quella dei volontari sia una comunità coesa, nella quale i soggetti trovano nel tempo soddisfazione e conferma della propria scelta. Quasi l’80% degli intervistati tra 10 anni si vede ancora impegnato in Croce Rossa. Il 18,4 % ha deciso di fare il volontariato per l’urgenza di far fronte a bisogni che lo stato non soddisfa. Francesco Rocca, Commissario Straordinario CRI.

Il servizio di Cristina Pantaleoni

Altre videonews di Cronaca

39enne viterbese come Frank Abagnale jr: incastrato il genio della truffa VIDEO

Spaccio di droga nella Capitale: GdF arresta 10 persone collegate alla camorra VIDEO

A Marino scoperto ennesimo falso cieco. Sceglieva il vino e coltivava il suo orto VIDEO

Print Friendly, PDF & Email
Share.