Scoperti nella Capitale 170 “falsi indigenti”. Tutti denunciati VIDEO

2

(Meridiananotizie) Roma, 25 gennaio 2013 – Centosettanta “falsi indigenti” sono stati individuati nella Capitale dai finanzieri del Comando Provinciale di Roma, nell’ambito dell’apposito protocollo di intesa siglato   con l’allora  Comune di Roma, ora Roma Capitale, che prevede lo scambio di informazioni tra le due istituzioni per rendere efficace il contrasto delle indebite fruizioni di prestazioni sociali a carico del bilancio dell’ente, da parte di soggetti non in possesso dei requisiti previsti dalla normativa statale e comunale. Gli accertamenti delle Fiamme Gialle del I Gruppo di Roma sono partiti dalla documentazione, acquisita da Roma Capitale,  relativa a soggetti che avevano richiesto, in anni recenti, di avvalersi delle agevolazioni per il pagamento delle rette di iscrizione agli asili nido.

Da un primo esame delle singole posizioni, sono emersi casi anomali che, opportunamente approfonditi,  sono risultati irregolari sussistendo una situazione patrimoniale ed economica reale diversa da quella emergente dalle autocertificazioni rilasciate in sede di richiesta delle prestazioni. In base all’entità della prestazione indebitamente ottenuta, i relativi responsabili sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria per i reati di falsa autodichiarazione, mentre l’importo dei benefici sarà recuperato dalle stesse amministrazioni locali.  Alcuni dei soggetti sono risultati proprietari di autovetture di lusso, con un tenore di vita inconciliabile con l’indicatore della situazione economica equivalente (I.S.E.E.), determinato sulla base delle  autodichiarazioni mendaci presentate. Il piano di controlli rientra nell’ambito del più ampio dispositivo predisposto annualmente dal Comando Provinciale di Roma, in attuazione degli indirizzi programmatici fissati dal Comando Generale della Guardia di Finanza.

Il servizio di Giulia Taccioli

Share.