Lockheed Martin conferma partecipazione italiana al programma F35. O’Brian: “Previsti 4 mld di utili per l’Italia” VIDEO

1

(Meridiananotizie) Roma, 13 febbraio 2013 – L’Italia al momento ha già ordinato 6 f-35. Da questo ordine si ricaverà un grande rientro economico. Oggi le 26 aziende italiane hanno contratti con noi per 450 milioni di dollari. L’intero programma per la costruzione degli F-35 ha visto 9 miliardi di dollari di investimenti da parte della Lockheed Martin. All’Italia ritorneranno in previsione utili per 4 miliardi. Stephen O’Bryan, vice presidente del Programma Integration and Business Development della Lockheed Martins Aeronautics, riassume così i risultati attesi nei prossimi anni, che confermano la partecipazione italiana siglata nel 2008 dal governo D’Alema, confermata dal successivo governo Berlusconi, e resa operativa dal governo Prodi al programma F-35, con la costruzione presso la base aeronautica di Cameri, Novara, della linea di assemblaggio finale, manutenzione e aggiornamento degli F-35.

L’Italia quindi rispetterà gli accordi presi a dispetto delle polemiche recentemente sollevate sulla possibilità di abbandonare un progetto giudicato troppo costoso e dai ritorni occupazionali troppo bassi. Di diverso avviso il vice presidente del programma f-35, che prevede 4 milioni di dollari di guadagni per il nostro paese, derivanti dall’assemblaggio, manutenzione e aggiornamento degli aerei realizzati dallo stabilimento Faco, unico in Europa. La prima consegna è prevista entro il 2014. Finora l’Italia ha investito nel progetto 2,5 miliardi di dollari, con un ritorno di 807 milioni. Insomma, a mancare ora è solo la firma (su cui a decidere sarà il prossimo governo) per l’acquisto dei 90 esemplari.

Il servizio di Laura Bolasco

Altre videonews di Cronaca:

Beccati cinesi dediti all’alta moda, sequestrate 30mila borse contraffatte VIDEO

Lavoratori Farmacap in agitazione, chiediamo il rilancio azienda per il bene di Roma VIDEO

Casette abusive, campeggiatori sfrattati dopo 30 anni. Smedile: “Definire norma a livello regionale” VIDEO

Print Friendly, PDF & Email
Share.