Aumenta l’incidenza dell’ictus tra i giovani. Sarnati: agire su prevenzione e riabilitazione

2

(Meridiananotizie) Roma, 2 aprile 2013 – Ictus, una patologia che si manifesta all’improvviso colpendo l’encefalo, privandolo momentaneamente dell’afflusso di sangue. Fino a non molto tempo fa si tendeva a credere che si trattasse di una malattia che colpiva principalmente gli over 70, ma gli ultimi dati dimostrano un aumento dell’incidenza tra i giovani con meno di 45 anni.  Negli ultimi 20 anni la percentuale è salita dal 13% al 19%. A causare questo incremento sono dei fattori ambientali: stress, fumo, sedentarietà, obesità, abuso di alcolici o di droghe sono tutti fattori che aumentano notevolmente la possibilità che si verifichi la patologia. Stroke rehabilitation photo

“Negli ultimi anni ho riscontrato un abbassamento dell’età media dei miei pazienti, un trend che, purtroppo, è stato confermato anche da ricerche svolte sull’intero territorio nazionale. – Spiega il dottor Valerio Sarmati, esperto in riabilitazione neurologica post ictus cerebrale. – Questo incremento può essere causato da uno stile di vita sbagliato che va ad incidere su una già presente predisposizione genetica del soggetto. Anche incidenti stradali in auto o moto che esponga l’individuo alla possibilità di traumi cranici possono costituire un ulteriore fattore di rischio. L’ictus si verifica, infatti, quando viene ridotto l’afflusso di sangue a una parte del cervello, l’encefalo, privando il tessuto di nutrimento e di ossigeno.” “In caso di pazienti giovani, la tempestività dei soccorsi e una corretta e constante riabilitazione post ictus acquisiscono un’importanza ancora maggiore. – continua Sarmati. – Solitamente, il 20% dei soggetti non riesce a sopravvivere e decede nel giro di un mese. Il restante 80% presenta difficoltà motorie e cognitive. Si tratta quindi anche di una emergenza assistenziale, perchè queste persone in grande parte potrebbero recuperare e vivere una vita quasi normale. Ma il tipo di assistenza pubblica che viene fornita non sempre risponde alle loro necessità. Per dare ai pazienti una possibilità di recupero non solo fisico, ma anche cognitivo, che si traduce, quindi in maggiore autonomia e in una migliore qualità di vita, occorre costruire un percorso nuovo, che da un lato miri alla riabilitazione delle funzioni celebrali e non solo di quelle fisiche, dall’altro coinvolga in modo attivo la famiglia, che può davvero fare la differenza. Questo approccio consiste nell’informare i familiari del paziente dei suoi reali problemi e bisogni, insegnando loro le giuste modalità di esecuzione non solo degli esercizi più efficaci per il recupero neurologico, ma anche come coinvolgere e stimolare le funzioni cerebrali, il reale problema in seguito ad un ictus.”

 Il dottor Sarmati è stato tra i primi in Italia ad abbracciare questo metodo, innovativo non solo nella forma, ma anche negli strumenti, mettendo a disposizione delle famiglie e dei malati strumenti multimediali che affiancano ed integrano l’assistenza diretta e di persona. Sul sito web dedicato al metodo (http://www.riabilitazione-ictus-cerebrale.it) è possibile trovare informazioni sulla malattie, le cause e le conseguenze, ma anche consigli pratici per sostenere chi è stato colpito da ictus e aiutarlo nel recupero di alcune funzionalità. Valerio Sarmati ha anche avviato diversi gruppi di aiuto ed autoaiuto su Facebook, per coinvolgere le famiglie, permettere loro di scambiare informazioni e non sentirsi “sole” nella loro battaglia.

Print Friendly, PDF & Email
Share.