Latitante da 4 anni incastrato a Barcellona. Si faceva chiamare Alejandro VIDEO

3

(Meridiananotizie) Roma, 10 aprile 2013 – Condannato a oltre 4 anni di reclusione per reati inerenti il traffico di droga si era rifugiato in Spagna. L’uomo – un italiano 34enne – è stato individuato e fermato ieri dagli agenti della Squadra Mobile della Questura di Roma. Gli investigatori in collaborazione con la Polizia spagnola lo hanno rintracciato nella città di Barcellona, in seguito ad una capillare indagine che aveva già condotto alcuni giorni fà all’arresto di un altro ricercato. Sul latitante bloccato ieri, Leandro Bennato, pendeva un Ordine di Esecuzione di 4 anni, 3 mesi e 19 giorni di reclusione per traffico di sostanze stupefacenti. latitante-barcellona2

L’uomo, appartenente all’ omonima famiglia da anni alla ribalta delle cronache giudiziarie, nel 2010 era evaso dalla nota clinica romana “villa lauricella”, dove si trovava in regime di arresti domiciliari, e la cui direttrice è stata arrestata dalla Squadra Mobile romana lo scorso anno con le accuse di spaccio di droga e corruzione. Il Bennato aveva trovato rifugio nella citta’ spagnola dove recentemente i poliziotti della Squadra Mobile avevano già arrestato Alessandro Fasciani – altro latitante – ricercato pero’ per un omicidio commesso nella capitale.  Dall’indagine è emerso  infatti che il latitante si accompagnava proprio con quest’ultimo. In questa seconda fase dell’investigazione gli agenti hanno seguito le varie “tappe” percorse dal Bennato, sino ad arrivare ad individuarlo in un ostello della citta’ catalana dove aveva utilizzato documenti falsi, e dove il Fasciani – privo di documenti – si era fatto registrare sotto il nome di “alejandro”.

Il servizio di Cristina Pantaleoni

Altre videonews di Cronaca

Roma Capitale, da commercianti si a riforma se snellisce iter burocratici VIDEO

Italia maglia nera per assistenza ai migranti forzati, poche le domande di asilo e molte le richieste di aiuto VIDEO

Derby Roma-Lazio, cittadini indignati per gli scontri tra ultras VIDEO

Print Friendly, PDF & Email
Share.