Al Bambino Gesù arriva “Ecmo mobile” per emergenze pediatriche nel centro-sud VIDEO

2

(Meridiananotizie) Roma, 26 giugno 2013 – All’ Ospedale Bambino Gesù arriva l’ambulanza “speciale” esclusivamente dedicata al trasporto in Ecmo dei neonati e dei pazienti in età pediatrica in tutto il centro-sud del paese. “L’ecmo mobile” è stata concessa in comodato d’uso dal Ministero della Salute all’ospedale pediatrico e i fondi necessari per l’allestimento delle strumentazioni interne, circa 25mila euro, sono stati raccolti dalla Fondazione Parole di Lulù Onlus istituita dal cantautore Niccolò Fabi: “Tre anni fa abbiamo perso la nostra bimba perché non c’era un’ambulanza così. È bellissimo, emozionante, soprattutto oggi è un po’ una piccola vittoria di alcune individualità rispetto alla lentezza del sistema. fabi2

Per noi tornare in questo piazzale tre anni dopo con l’ambulanza che porta il logo della nostra associazione è una emozione infinita per tutta l’energia che si è generata da un dolore”. L’Ecmo è una tecnica di circolazione extracorporea che permette di sostituire per periodi più o meno lunghi le funzioni fisiologiche del cuore e/o del polmone, in attesa del loro recupero dalla malattia. Proprio per garantire assistenza a bambini ricoverati in altri nosocomi, il ministero ha quindi concesso in comodato d’uso a 5 centri italiani selezionati, tra cui il Bambino Gesù, altrettante ambulanze “speciali”.

Di queste quella della struttura romana è l’unica con una dotazione esclusivamente ad uso pediatrico. Insieme a un team dedicato verrà impiegata nel territorio del centro-sud Italia: per distanze inferiori a 350 km l’ospedale prevede il trasporto dei piccoli pazienti via terra, per tragitti più lunghi verranno utilizzati aerei C130 dell’Aereonautica militare per portare direttamente in sede l’ambulanza Ecmo, coma ha sottolineato il dottor Matteo Di Nardo, anestesista e rianimatore pediatrico dell’area rossa del Bambino Gesù. A presentare la nuova ambulanza nel piazzale del Pronto Soccorso dell’ospedale al Gianicolo, oltre al cantante e sua moglie anche il direttore sanitario del Bambino Gesù, Massimiliano Raponi, accompagnato dall’equipe medica.

Una nuova ambulanza che ci aiuterà a gestire pazienti molto complessi, che hanno bisogno di supporto intensivo che fino a ieri non potevano essere trasferiti da un ospedale all’altro. Quindi – ha concluso Raponi – la collaborazione del ministero, dell’ospedale e di una associazione ci ha permesso insieme di raggiungere un obiettivo importante, ovvero gestire l’emergenza e riuscire a curare in un centro di eccellenza come questo pazienti intensivi in cardiochirurgia piuttosto che in rianimazione per problemi polmonari”.

Il servizio di Mariacristina Massaro

Altre videonews su Sanità:

Univadis, nuovo look per portale che migliora dialogo tra medici e pazienti VIDEO

La Lorenzin visita il Campus Bio-medico: “strutture d’eccellenza punto di partenza per risanamento” VIDEO

 

Print Friendly, PDF & Email
Share.