Quando l’attività è di famiglia. 11 romani in manette per traffico di stupefacenti VIDEO

2

(Meridiananotizie) Roma, 13 giugno 2013 – In un periodo di crisi come quello in cui viviamo tendono a scomparire sempre più le attività a livello familiare. Ma non è sempre cosi. 11 persone, legate tutte da vincoli parentali erano infatti riuscite a mettere in piedi un supermarket locale di tutto rispetto nel quartiere Prenestino – Villa Gordiani, nella periferia sud orientale della Capitale. Peccato che invece di generi alimentari vendevano stupefacenti. È quello che hanno scoperto i carabinieri del comando provinciale di Roma nel corso di un’operazione denominata Happy Family che ha portato all’arresto di tutti i membri dell’associazione e del sequestro di oltre 2 kg di hashish, 30 grammi di marijuana e circa 17mila euro in contanti, provento del traffico di stupefacenti che i vari associati avevano nascosto nelle proprie abitazioni. HAPPY-FAMILY2

Il giro d’affari rilevato è molto consistente: nel corso degli otto mesi d’indagine, già altri 11 soggetti sono stati tratti in arresto per spaccio di droga con il sequestro di 200 grammi di cocaina, 500 grammi di hashish, 600 di marijuana, 50 pasticche di ecstasy e circa 37mila euro in contanti. L’organizzazione era diretta da una pregiudicata 52enne romana del quartiere, insieme ai due figli di 31 e  25 anni, i quali, avvalendosi della collaborazione di parenti, provvedevano al reperimento all’ingrosso della sostanza, al confezionamento e alla tenuta della contabilità dell’intera associazione, distribuendone i proventi. Articolata la rete di spacciatori e vedette che provvedevano allo spaccio, dalla mattina alle sette fino a notte fonda, dandosi il cambio tra loro, secondo le indicazione della “dirigenza” del sodalizio. I principali venditori al dettaglio erano proprio la sorella della 52enne, anch’ella del quartiere, con tutta la sua famiglia: il marito, i due figli e il cognato.

Il servizio di Cristina Pantaleoni

Altre videonews di Cronaca

Sparatoria a San Basilio, un morto per colpi alla testa e un ferito. Aggrediti operatori 118 VIDEO

Roma crocevia della mobilità sostenibile, due giorni per dire “No allo spegnimento del motore dell’economia” VIDEO

I Vigili del fuoco in agitazione, “Vogliamo essere equiparati agli altri corpi dello stato” VIDEO

Print Friendly, PDF & Email
Share.