Roma per la cultura? Allarme sindacati: servono provvedimenti urgenti per le imprese che operano nel settore VIDEO

3

(Meridiananotizie) Roma, 6 giugno 2013 – Un appello al futuro sindaco di Roma e una petizione rivolta ai cittadini affinché “l’industria culturale e creativa della Capitale torni a ricoprire un ruolo centrale nei programmi di sviluppo e nell’agenda politica dei futuri amministratori della nostra città”, a lanciarli le imprese che operano nel settore della cultura. cnacultura2

Tra le richieste avanzate dalle associazioni, la sottoscrizione di convenzioni con i diversi comparti produttivi del settore e la riduzione della base imponibile e/o dell’aliquota Imu per i cinema, i teatri e gli immobili adibiti all’esercizio di attività spettacolistiche e culturali in genere. A sottolinearlo Massimo Monaci, presidente dell’Agis Lazio. Per Giuseppe Viggiano, presidente della Cna cultura e spettacolo “una buona concertazione con l’amministrazione di Roma Capitale può migliorare il rapporto con gli operatori dello spettacolo e può far superare parte delle difficoltà economiche nelle quali versa il nostro settore”.

A sottolinearlo anche Valerio Toniolo, presidente di Buona Cultura. Nel corso della conferenza sono stati ricordati alcuni dati sul settore culturale romano. In particolare, a Roma operano il 14 % di imprese del settore dello spettacolo esistenti in Italia e si tengono oltre il 12 % degli spettacoli dal vivo di tutto il Paese. A fronte di ciò, tra il 2011 e il 2012 c’è stato un calo dell‘8,5 % di ingressi agli spettacoli dal vivo, un calo del 15,3 %  degli ingressi al cinema e del 6,7 % degli ingressi a teatro.

Il servizio di Mariacristina Massaro

Altre videonews su Cronaca:

Ricettazione e riciclaggio di BMW, Audi e Mercedes per un valore di 800mila euro VIDEO

Settecamini, il Comune consegna 42 nuovi alloggi a disabili e anziani VIDEO

Insediato nuovo capo della Polizia Pansa: “principale obiettivo restituire libertà alle città” VIDEO

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Share.