Spacciavano cocaina dallo scalo di Fiumicino, sgominato sodalizio dei clan Gallace e Romagnoli VIDEO

3

(Meridiananotizie) Roma, 14 giugno 2013 – Due importanti sodalizi criminali, operanti in ambito aeroportuale e nella Capitale, sono stati scoperti dalla Squadra caracasMobile e dal Gruppo della Guardia di Finanza di Fiumicino nel corso dell’operazione Caracas; le forze dell’ordine hanno eseguito 22 provvedimenti restrittivi e numerose perquisizioni a carico dei gruppi criminali accusati di traffico internazionale di cocaina ed hashish, ed allo spaccio nella Provincia di Roma.

L’attività investigativa, corroborata da intercettazioni telefoniche ed ambientali, trae origine dal sequestro di 150 kg di cocaina eseguito nei confronti di un dipendente aeroportuale, avvenuto lungo l’arteria autostradale Roma-Fiumicino. Il gruppo criminale operante in ambito aeroportuale, composto da italiani, operava come una vera e propria “società di servizi”. Il dipendente dell’aeroporto, allertato dall’organizzazione criminale committente sull’arrivo del carico della sostanza stupefacente, organizzava l’intera attività, curando l’operazione in maniera dettagliata e minuziosa tanto da preoccuparsi di procurare anche l’abbigliamento adatto e i badge elettronici per l’accesso in pista dei complici che sapevano come muoversi nella struttura aeroportuale.

Il gruppo criminale, una volta recuperato il carico di droga da aeromobili provenienti dal Sud-America, si adoperava per il successivo occultamento e trasporto all’esterno dell’aeroporto fino alla consegna all’organizzazione committente. La conseguente attività di indagine ha consentito di individuare un sodalizio criminale che faceva capo alla famiglia malavitosa dei Romagnoli che aveva trovato nella “società di servizi” aeroportuale un alternativo ed aggiuntivo canale di approvvigionamento da affiancare a quello storico e già consolidato della nota cosca ‘ndranghetista dei Gallace. E’ stato inoltre smantellato il sodalizio criminale dedito al traffico di cocaina, dei Romagnoli e dei Gallace, che ha ramificazioni e basi logistiche sul litorale laziale di Anzio-Nettuno, zone dove, sia la cosca calabrese dei Gallace, che quella romana dei Romagnoli si sono stabilmente insediate da diversi anni. I promotori-organizzatori dell’organizzazione, identificati in Umberto Romagnoli, Angelo e Bruno Gallace, rifornivano periodicamente le note piazze di spaccio romane di Torre Maura e S. Basilio, dove sentinelle, pusher e contabili provvedevano a garantirne il monopolio.

Il servizio di Luisa Deiola

Altre videonews di cronaca

Furto in grande magazzino della Casilina, l’obbiettivo erano i cavi e il prezioso rame VIDEO

Il Ministro Kyenge alla sinagoga di Roma, “tutti si devono sentire offesi da frasi Valandro” VIDEO

Morì per far nascere il suo bimbo, al Divino Amore una messa in ricordo di Chiara Corbella VIDEO

Print Friendly, PDF & Email
Share.