Attacco allo Shard di Renzo Piano. Attivisti di Greenpeace scalano grattacielo più alto d’Europa

3

GUARDA IL VIDEO

(MeridianaNotizie) Roma, 11 luglio 2013 – Si chiamano Sabine, Sandra, Victo, Ali, Wiola e Liesbeth e dall’alba di questa mattina si stanno cimentando nella rischiosa impresa di scalare lo Shard London Bridge, il celeberrigreenpeace-shard-londra-7mo grattacielo londinese progettato da Renzo Piano che domina la skyline della capitale inglese. Non si tratta di un’impresa sportiva, ma di una protesta: le sei donne sono infatti attiviste di Greenpeace, e il loro gesto vuole portare l’attenzione del mondo contro il progetto di Shell di avviare un progetto di trivellazioni nell’Artico.Le attiviste si sono preparate prima dell’alba e, armate di corde e imbragature, hanno cominciato ad avventurarsi sulla parete di vetro e cemento. La polizia, racconta BBC, è arrivata sul posto poco dopo le 4 di stamattina (le 5 in Italia). Il loro obiettivo è raggiungere la cima del grattacielo, a 310 metri di altezza e srotolare un enorme striscione contro la distruzione dell’ecosistema dell’Artico.

Il tutto è visibile in diretta streaming sul sito di Greenpeace: al grido di “Un grattacielo, sei donne, nessun permesso”, le ragazze stanno continuando la scalata sotto gli occhi delle forze dell’ordine e dei passanti, alcuni dei quali piuttosto preoccupati per l’incolumità delle scalatrici.“Hanno scelto lo Shard perché sovrasta i tre uffici Shell di Londra, incluso il quartier generale del gigante petrolifero sulla riva del Tamigi – ha spiegato Greenpeace in un comunicato stampa ripreso dal Mirror – Shell sta guidando una cordata di compagnie petrolifere verso l’Artico, investendo miliardi nei programmi di trivellazione in Alaska e Russia. Un movimento globale fatto da milioni di persone sta cercando di fermarli, ma Shell rifiuta di abbandonare il progetto”.Le sei ragazze, però, sono determinate: “Proveremo ad appendere un’opera d’arte sulla cima del grattacielo, sperando che Shell ci ripensi” – ha detto questa mattina Victoria Henry, 32 anni, una delle sei scalatrici.

Altre videonews di Ambiente

Cresce nel Lazio la raccolta differenziata della carta: + 4% in controtendenza rispetto al resto d’Italia

Esemplare di Caretta Caretta salvata e curata a Livorno

Da Regione Lazio presentata a distanza di 25 anni la nuova carta idrogeologica del territorio

Print Friendly, PDF & Email
Share.