Discarica di Falcognana, cittadini contro la decisione di Sottile. Consiglio comunale chiamato a decidere

2

GUARDA IL VIDEO

I cittadini sono scesi in strada, bloccando l’Ardeatina alle auto,  contro l’attivazione della discarica accanto alle loro case. Tra loro esponenti del IX Municipio come Massimiliano de Iulis

(MeridianaNotizie) Roma, 30 luglio 2013 – Goffredo Sottile, commissario per l’emergenza rifiuti, ha presentato nei giorni scorsi  al ministro dell’ambiente, Andrea Orlando, la discaricarelazione con la designazione del sito per la nuova discarica di Roma, Falcognana sull’Ardeatina. E come successo in precedenza i cittadini sono scesi in strada, bloccando l’Ardeatina alle auto,  contro l’attivazione della discarica accanto alle loro case. Tra loro esponenti del IX Municipio come Massimiliano De Iulis. “Giovedì ci sarà un consiglio ordinario – ha dichiarato Gianni Alemanno intervenuto al sit-in insieme a Luciano Ciocchetti- in cui verranno discusse diverse mozioni presentate dai vari gruppi sul tema della discarica. Sono convinto che i siti migliori per smaltire i rifiuti non siano nel territorio del Comune di Roma – ha aggiunto – ma nella provincia, non per scaricare sugli altri i problemi, ma perché il territorio del Comune di Roma è quello che ha più vincoli ed è anche quello più antropizzato.

Giovedì dimostrerò quali sono questi siti secondo me più adatti e quali valutazioni sono state fatte. Si tratta sia di siti di proprietà pubblica già funzionanti, che siti di proprietà privata. “Noi giovedì porremo il problema – ha concluso Alemanno – e se il Consiglio comunale dice no a questo sito non reggerà nè Commissario nè Ministro”, ha ribadito. A farsi portavoce della maggioranza capitolina, Luca Giansanti, capogruppo della Lista civica Marino. “L’attuale amministrazione capitolina, a differenza di chi ha governato la città negli ultimi 5 anni, ha il coraggio di assumersi le proprie responsabilità e agirà nell’esclusivo interesse dei cittadini. L’obiettivo deve essere quello di garantire, allo stesso tempo, un servizio di smaltimento dei rifiuti efficiente, il diritto alla salute dei cittadini e la salvaguardia ambientale dell’area interessata. In base a questi criteri la Giunta e la maggioranza capitolina valuteranno le decisioni assunte dal commissario di Governo. Per l’opposizione, evidentemente, Malagrotta continua ad essere l’unica soluzione possibile. Una visione della gestione del ciclo dei rifiuti che ha causato danni enormi a questa città. E’ il momento di guardare oltre, nell’interesse di tutti”.

Altre videonews di Cronaca

Dal 3 agosto via alla pedonalizzazione dei Fori, ecco il progetto del Comune di Roma

Fontana di Trevi assediata dai fotografi del Bangladesh. Ma chi li gestisce?

Sgominata organizzazione mafiosa ad Ostia: 51 arresti. Si spartivano il litorale

Print Friendly, PDF & Email
Share.