Il futuro dell’Italia, in assemblea Anbi i consorzi di bonifica indicano una rotta

2

GUARDA IL VIDEO

(MeridianaNotizie) Roma, 11 luglio 2013 – La fragilità del territorio italiano è aggravata dall’intensa urbanizzazione. È importante limitare e compensare l’impermeabilizzazione del ANBI1suolo, impedendo l’occupazione di altre aree verdi, contrastando la cementificazione selvaggia e l’abbandono delle terre marginali da parte degli agricoltori. Infatti negli ultimi 40 anni la superficie coltivata si è ridotta di circa il 28%. Questo è quanto è emerso dall’assemblea nazionale organizzata da Anbi, l’associazione nazionale bonifiche irrigazioni e miglioramenti fondiari.

Secondo il presidente Massimo Gargano nel Lazio come in Italia oltre il 70% dei territori sono classificati ad alto rischio idrogeologico. Le risorse economiche per la riduzione del rischio idrogeologico dovrebbero essere sbloccate subito.

“I Consorzi di bonifica hanno realizzato e provvedono alla manutenzione e all’esercizio di un grande patrimonio di impianti ed infrastrutture idrauliche, destinate alla difesa del suolo – ha sottolineato Gargano – basti pensare ai circa 200.000 chilometri di canali o ai quasi 800 impianti idrovori.”

Altre videonews di cronaca

Elebici@Roma3, in un anno percorsi 17.500 km e 120 kg di CO2 in meno

Senza province lo Stato non regge, presidio Usb per dire no alla soppressione

Attacco allo Shard di Renzo Piano. Attivisti di Greenpeace scalano grattacielo più alto d’Europa

Print Friendly, PDF & Email
Share.