Inchiesta Enav-Finmeccanica, 10 arrestati e 23 indagati per appalti truccati. Enav: noi estranei alla vicenda

2

GUARDA IL VIDEO

(MeridianaNotizie) Roma, 10 luglio 2013 – I Finanzieri del Comando Provinciale di Roma e i Carabinieri del ROS hanno dato esecuzione questa mattina ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 10 persone coinvolte nel fallimento della ARC TRADE S.r.l., società già al centro dell’inchiesta “ENAV – FINMECCANICA” . Le indagini hanno fatto luce su complesse operazioni di bancarotta fraudolenta, falsa fatturazione, riciclaggio e trasferimenti fraudolento di valori.  A finire in manette il commercialista, dominus dell’Arc Trade srl, Marco Iannilli, già al centro dell’inchiesta Enav, assieme all’ad Paolo Pugliesi e al direttore commerciale di Selex Manlio Fiore. appalti-enav1

Le indagini avevano infatti dimostrato che l’ENAV assegnava commesse senza alcuna gara pubblica alla SELEX SISTEMI INTEGRATI S.p.A. del gruppo FINMECCANICA, la quale poi li sub-appaltava ad altre società, tra cui proprio l’ARC TRADE S.r.l., deputate a costituire i fondi neri necessari per remunerare vari soggetti in grado di influire sul processo di affidamento dei lavori stessi. Oltre a Marco Iannilli, è stato arrestato anche David Romano, formale amministratore della stessa società, nonché tre parenti di Iannilli: i cognati Maurizio Caracciolo e Nicola Gargiulo ed il cugino Roberto Caboni, quest’ultimo già tratto in arresto nel 2010 con Iannilli L’accusa per i parenti di Iannilli è quella di aver concorso nelle operazioni di bancarotta patrimoniale che hanno portato al fallimento dell’Arc Trade srl. Gli altri arrestati sono Gianluca Ius, Simone Pasquini, Cristian Palmas, Massimiliano Damiano e Sebastiano Giallongo, tutti accusati di aver costituito società fittizie che hanno emesso fatture per operazioni inesistenti nei confronti dell’Arc Trade srl con il fine di svuotarne le casse. Tra gli indagati ci sono anche Lorenzo Cola e Tommaso Di Lernia. Cola in qualità di “super-consulente” della holding della Difesa, Di Lernia quale titolare della Print Sistem srl, società che come la Arc Trade riceveva in subappalto lavori assegnati alla Selex sistemi integrati spa dall’Ente assistenza al volo.

In una nota l’Enav dichiara di essere «assolutamente estranea» alla vicenda che coinvolge «società e persone con le quali Enav non ha più da tempo alcun rapporto. L’Ente nazionale assistenza al volo, pur comprendendo l’esigenza giornalistica di fare riferimento alla nota inchiesta ‘”Appalti Enav” – dice l’amministratore unico Massimo Garbini – spiace leggere ancora oggi il nome di Enav, un’eccellenza del sistema Paese, associato a notizie di cronaca giudiziaria che non riguardano più direttamente la società».

Il servizio di Cristina Pantaleoni

Altre videonews di Cronaca

Parmitano va a “fare due passi”, è il primo italiano a spasso nello spazio

50 arresti nella Capitale per traffico di droga, collegamenti con camorra e ‘ndrangheta

Sigarette elettroniche, “Ci avete rotto i polmoni”: in piazza per dire no alla tassa

Print Friendly, PDF & Email
Share.