William e Kate presentano al mondo il Royal Baby Boy. Ancora mistero sul nome

1

GUARDA IL VIDEO

Ad un giorno dalla nascita, il piccolo principe esce dall’ospedale acclamato da una folla entusiasta. Sale l’attesa per conoscere il nome del terzo erede al trono d’Inghilterra.

(MeridianaNotizie) Roma, 24 luglio 2013 – Prima uscita pubblica per il Royal Baby Boy, accolto da una folla gioiosa. I due neo genitori hanno lasciato ieri il Lindo Wing del St. Mary Hospital di Londra per recarsi a Kensington Palace. La coppia è apparsa radiosa ed ha mostrato con orgoglio il terzo erede al trono d’Inghilterra. Kate, sorridente, tiene in braccio il neonato mentre William scherza con i presenti. “Per fortuna somiglia a Kate” esclama con ironia, anche se la neo mamma ha obiettato sorridendo all’affermazione del marito. Dopo una lunga royal baby 3attesa che ha tenuto con il fiato sospeso il mondo intero, il piccolo dal sangue blu è venuto alla luce alle 16.24 del 22 luglio. Una nascita che è stata accolta con ovazioni e felicità dall’intero Regno Unito.  I genitori di Kate sono stati i primi a far visita al nipotino e alla figlia, seguiti poco dopo dal principe Carlo e dalla moglie Camilla.

Il nome del piccolo principe di Cambrige non è stato ancora svelato e gli scommettitori scalpitano per conoscere il verdetto finale. William e Kate non si sbilanciano. “Stiamo ancora pensando al nome” hanno affermato sulla porta del Lindo Wing, lasciando tutti con il fiato sospeso. Intanto le agenzie di scommesse fanno affari d’oro, sfruttando il delirio della popolazione, emozionatissima per la nascita del Royal Baby. Secondo un portavoce dell’agenzia irlandese Paddy Power, il favorito è attualmente George seguito da James, nome reale e nome del fratello di Kate, e da Henry.

Il servizio di Simona Berterame

Altre videonews su Cronaca:

Papa Francesco, paura per la sicurezza del pontefice in visita a Rio per il GMG

Atac verso debito da 750 milioni. Improta indica Danilo Broggi nuovo Ad aziendale

“Internazionalizzare per crescere”, le imprese del “Made in Italy” raccontano il loro successo all’estero

Print Friendly, PDF & Email
Share.