Autobus Avellino, 3 gli indagati. Verifiche sulle condizioni del veicolo e del guard rail

2

GUARDA IL VIDEO

Indagati il fratello del conducente e due persone appartenenti alla Società Autostrade. Il veicolo aveva 18 anni.

(MeridianaNotizie) 1 agosto 2013 – Sale a tre il numero degli indagati per la strage dell’autobus precipitato domenica scorsa dal viadotto Acqualonga dell’Autostrada A16 Napoli-Canosa. Oltre a Gennaro Lametta,titolare della ditta proprietaria del pullman e fratello del conducente Ciro,  altre due persone, appartenenti alla Società Autostrade, sonoincidente avellino 2 iscritte nel registro degli indagati. I tre sono accusati di omicidio colposo plurimo e disastro colposo.

Continuano le verifiche per ricostruire la dinamica dell’incidente che ha causato la morte di 38 persone, tra cui il conducente dell’autobus. La perizia tecnica sta analizzando dei reperti che potrebbero essere pezzi del semiasse che il pullman, persi circa 2 km prima dello schianto. Dopo aver accertato la compatibilità con l’automezzo, i periti potranno verificare se la loro rottura abbia contribuito a provocare il terribile incidente. Intanto è stato reso noto che l’autobus aveva 18 anni e oltre 900mila chilometri alle spalle. Le indagini sono concentrate anche sulle condizioni del guard rail che non ha retto all’impatto con il veicolo.

Il servizio di Simona Berterame

Altre videonews in Cronaca:

Droga nei doppifondi delle pentole e nelle scatole di biscotti. Fermati 7 corrieri a Fiumicino

Processo Mediaset, oggi l’atteso verdetto per Silvio Berlusconi

Sindacati su Atac: “troppi amministrativi e pochi autisti”. Serve riorganizzazione aziendale

Print Friendly, PDF & Email
Share.