Allarme Cna: imprese strozzate da burocrazia e tasse

0

GUARDA IL VIDEO

Quest’anno l’indagine presenta un focus dal titolo “Burocrazia, Tassazione e Crisi”.

(MeridianaNotizie) Roma, 18 settembre 2013 – Un quarto del fatturato medio speso per fronteggiare i costi della burocrazia e un quarto del proprio lavoro destinato agli adempimenti con la Pubblica Amministrazione. Questi sono solo alcuni dei problemi delle piccole e medio imprese del Lazio emersi dalla ricerca della Cna “Indagine congiunturale sulle piccole imprese di Roma e del Lazio – Consuntivo I semestre 2013 e Aspettative II semestre 2013”. cna1

L’indagine, giunta alla nona edizione, è realizzata dalla Cna del Lazio in collaborazione con il Centro Europa Ricerche e basata su un campione di 800 imprese. Quest’anno l’indagine presenta un focus dal titolo “Burocrazia, Tassazione e Crisi”. Dai dati emerge che, oltre al problema della burocrazia, le imprese sono bloccate a causa dei contributi sul lavoro e delle tasse sul reddito d’impresa, mentre l’Imu costituisce un peso meno rilevante così come la tassazione locale (Tarsu e addizionali). Il bilancio dei saldi, che si riferiscono alla differenza in percentuale tra le risposte positive e le negative alla domanda “E’ andata meglio?”, della prima parte dell’anno risulta essere in negativo per produzione, fatturato e utile lordo e, nello specifico, a soffrire di più è stato il settore tessile (-81,7 per cento) e quello dell’elettromeccanica ed elettronica (-100 per cento).

I dati sono stati presentati questa mattina alla Casa delle Imprese della Cna di Roma e del Lazio alla presenza del direttore Lorenzo Tagliavanti, dell’assessore Roma Produttiva Marta Leonori, dell’assessore alle Attività Produttive e Sviluppo Economico della Regione Lazio Guido Fabiani, del direttore del Cer Stefano Fantacone e del presidente Cna Lazio Danilo Martorelli

Ad intervenire alla presentazione anche l’assessore Roma produttiva Marta Leonori, che ha illustrato i futuri passi in programma nell’agenda capitolina. “Quello che le istituzioni devono fare sono delle riforme, anche piccole, sulle realtà locali come regioni e comuni così da permettere una maggiore semplificazione delle procedure e quindi una maggiore trasparenza che aiuti gli imprenditori nella loro attività”

Il servizio di Diana Romersi

Altre videonews di Cronaca

Buy Lazio, il workshop del turismo apre le porte al Messico

Sottile in Regione, Falcognana attiva dal 1 ottobre

Enpaia sfratta e gli appartamenti vengono dati a dirigenti Uil

Print Friendly, PDF & Email
Share.

Comments are closed.