Centri scommesse nel mirino della Gdf, sequestrate 16 sale gioco ai Castelli Romani

6

GUARDA IL VIDEO

La normativa nazionale prevede che i bookmaker esteri, per esercitare sul territorio nazionale la raccolta di scommesse sui vari eventi sportivi, debbano essere provvisti dell’autorizzazione di pubblica sicurezza, il cui rilascio è subordinato all’aggiudicazione di una gara di assegnazione delle concessioni dal parte del Ministero dell’Economia e delle Finanze.

(MeridianaNotizie) Roma, 13 settembre 2013 – Macchine spente e serrande abbassate per 16 sale gioco del territorio dei Castelli Romani e del litorale, 120 terminali sequestrati e denunciati i relativi titolari. L’accusa è di esercizio abusivo di raccolta di scommesse. È quanto emerso durante il piano di controlli messo in campo dal comando provinciale di Roma in collaborazione con l’agenzia delle dogane e con i Monopoli di Stato. Dagli accertamenti è emerso che veniva effettuata l’attività di raccolta, anche per via telematica, di scommesse per conto di un noto allibratore austriaco – titolare del marchio “Planetwin 365” – da qui il nome dell’operazione – che non disponeva però delle necessarie autorizzazioni rilasciate dall’Autorità di Pubblica Sicurezza. centri-scommessa1

La normativa nazionale prevede infatti che i bookmaker esteri, per esercitare sul territorio nazionale la raccolta di scommesse sui vari eventi sportivi, debbano essere provvisti dell’autorizzazione a cui si accede tramite gara pubblica.  Contestate, anche, oltre 40 violazioni amministrative in relazione alla detenzione illegale –  da parte dei titolari dei punti scommesse – di slot machines, nonché al mancato rispetto della normativa vigente, che prescrive l’affissione di un cartello indicante il divieto di accesso ai minori e i rischi di dipendenza compulsiva derivanti dall’esercizio non responsabile  del gioco.  Nei primi otto mesi dell’anno, a Roma e provincia, sono state eseguite, in tutto il comparto dei giochi, delle scommesse e dei concorsi pronostici, 334 operazioni, contestate 105 violazioni e denunciate 72 persone all’Autorità Giudiziaria. Il mercato delle scommesse illegali costituisce da sempre un business redditizio per la criminalità organizzata ai danni delle fasce più deboli, spesso vittime di usura e di estorsione.

IL VIDEO DELLA PERQUISIZIONE

Il servizio di Cristina Pantaleoni

Altre videonews di Cronaca

Siria, Obama potrebbe seguire Mosca ed evitare l’attacco

Unioni Civili, un registro unico per “unire” tutte le coppie di Roma. Sel presenta la delibera

Torna a Roma “Atreju”, tema centrale “la terza guerra” della grande finanza contro i popoli

Print Friendly, PDF & Email
Share.