Chiusura tribunali, i sindacati in protesta davanti al ministero della Giustizia

1

GUARDA IL VIDEO

I manifestanti: “La giustizia e il suo ministero hanno bisogno di una vera riforma orientata verso una semplificazione delle procedure per velocizzare i tempi e di processo di digitalizzazione”

(MeridianaNotizie) Roma, 20 settembre 2013 – Lanciare un appello al ministro Cancellieri e bloccare il taglio delle 15 sedi distaccate perché “chiudere i tribunalitribunali non è una priorità”. Questi i principali obiettivi che hanno spinto Cgil, Cisl e Uil a organizzare una manifestazione di protesta davanti al ministero della Giustizia.

Si protesta contro la riforma della geografia giudiziaria, entrata in vigore dallo scorso 13 settembre e che si tradurrà in un arretramento dello Stato dal territorio. “Una riforma, secondo i manifestanti, che rischia di gettare da subito la Giustizia nel caos organizzativo. La giustizia e il suo ministero hanno bisogno di una vera riforma orientata verso una semplificazione delle procedure per velocizzare i tempi e soprattutto di un reale e mai decollato processo di digitalizzazione.”

Sono otto le sedi che in provincia di Roma chiuderanno i battenti, ma la situazione più calda si è presentata ad Ostia, dove oltre alle proteste, agli scioperi della fame e a una denuncia, il consiglio municipale ha votato all’unanimità una mozione contro la chiusura del “presidio della legalità”.

Il servizio di Teresa Ciliberto

Altre videonews di cronaca

Borseggiatore smascherato da un cittadino vicino San Pietro

Usate il preservativo, il grido degli attori porno USA

Sporco italiano, botte e insulti all’autista dell’autobus

Print Friendly, PDF & Email
Share.