“Datemi i soldi che devo giocare”, i parenti si rifiutano e lui li picchia. Giocatore incallito arrestato a Guidonia

2

L’episodio è solamente l’ultimo di una lunga serie di violenze e minacce che l’intera famiglia ha subìto per molto tempo da parte del loro familiare, ormai distrutto dal vizio del gioco.

(MeridianaNotizie) Roma, 12 settembre 2013 – Nella tarda serata di ieri, i Carabinieri della Tenenza di Guidonia Montecelio hanno arrestato un 41enne del posto, già conosciuto alle forze dell’ordine, con l’accusa di lesioni aggravate e tentata estorsione. Dopo essere andato a casa della madre per tentare di estorcerle i soldi da sperperare nelle sale giochi della zona, l’uomo ha aggredito violentemente a calci e pugni la sorella, il cognato e la nipote 19enne, che erano intervenuti a difesa della donna. gioco-azzardo2

L’episodio è solamente l’ultimo di una lunga serie di violenze e minacce che l’intera famiglia ha subìto per molto tempo da parte del loro familiare, ormai distrutto dal vizio del gioco. Questa volta, però, il 41enne è andato troppo oltre e i parenti, esasperati, hanno avuto il coraggio di chiedere aiuto al “112”. Il 41enne è stato posto agli arresti domiciliari nella sua abitazione, mentre le vittime, a causa delle lesioni riportate nell’aggressione, sono state trasportate all’ospedale civile di Tivoli, dove sono state tutte medicate e dimesse con una decina di giorni di prognosi.

Altre videonews di Cronaca

Napolitano nomina Giuliano Amato giudice della Corte Costituzionale

Riapre il Liceo Socrate, locali riconsegnati dalle istituzioni

Da Animalisti Italiani il NO alla corrida finanziata con fondi europei

Print Friendly, PDF & Email
Share.