Discarica a Falcognana, Presidio NO discarica: martedi 17 settembre corteo fino al Divino Amore

1

“I partiti della maggioranza capitolina e regionale sono asserviti alla volontà dispotica del governatore del Lazio, Nicola Zingaretti. Il sindaco Marino non riesce a dire una parola se non quella che gli viene suggerita di dire. L’assessore all’ambiente fa finta che la questione non le competa.”

(MeridianaNotizie) Roma, 13 settembre 2013 – “Dopo 40 giorni il presidio non ha più dubbi, Falcognana è la nuova Malagrotta e siamo ormai a lavori abbondantemente avviati“, E’ quanto riporta in un comunicato il Presidio No discarica Divino Amore. “Il terzo invaso dopo i lavori di movimentazione terra è diventato un cratere senza fondo. Ed è solo l’inizio. La complicità dell e istituzioni territoriali che rinviano ogni responsabilità al ministro e al suo esecutore testamentario, Goffredo Sottile, confermano una minaccia gravissima di un ulteriore estensione dell’area destinata a discarica – prosegue la nota – E’ peraltro inaccettabile che le istituzioni territoriali giungano a una prova di forza muscolare con il Presidio, con i comitati anti-discarica e la cittadinanza”.

“Un comportamento – continua il Presidio – che non è degno delle istituzioni democratiche, il cui compito è quello di ascoltare e aprire alla partecipazione e per questa via raggiungere scelte condivise. In questo modo screditano l’essenza stessa delle istituzioni democratiche?””Il vincolo Bondi, che credevamo un baluardo a tutela dell’Agro Romano, con atto di pari forza può essere all’occorrenza scucito nel suo perimetro, provocando estensioni senza confine della discarica. Ormai – precisa il Presidio – il gioco è scoperto”. falcognana-comitati

“È qui che, nonostante l’opposizione del Presidio e di altri comitati e della popolazione, hanno deciso di realizzare la nuova Malagrotta e nessuno osa batter ciglio. I partiti della maggioranza capitolina e regionale sono asserviti alla volontà dispotica del governatore del Lazio, Nicola Zingaretti. Il sindaco Marino non riesce a dire una parola se non quella che gli viene suggerita di dire. L’assessore all’ambiente fa finta che la questione non le competa. In tutto questo il Presidio è sottoposto ad un attacco gravissimo in quanto lo stanno costringendo a smobilitare – conclude il Presidio – Per questa ragione è indetto un corteo per martedì 17 settembre alle 17,30 che, partendo dal Presidio di Via Ardeatina, arriverà fino al Santuario del Divino Amore. Tutta la cittadinanza è chiamata a stringersi attorno al Presidio che in questi 40 giorni ha impedito l’arrivo dei camion e continuerà a farlo fin tanto che la popolazione sarà compatta e decisa a contrastare la nuova discarica”.

Altre videonews di Cronaca

Siria, Obama potrebbe seguire Mosca ed evitare l’attacco

Unioni Civili, un registro unico per “unire” tutte le coppie di Roma. Sel presenta la delibera

Torna a Roma “Atreju”, tema centrale “la terza guerra” della grande finanza contro i popoli

Print Friendly, PDF & Email
Share.