Fori, accordo tra commercianti e Comune: si alla conclusione del progetto

1

E’ quanto emerge dall’incontro tra il presidente di Confcommercio Roma, Giuseppe Roscioli, e il sindaco Ignazio Marino tenutosi ieri in Campidogliocampidoglio 

(MeridianaNotizie) Roma, 24 settembre 2013 – Si prospetta un periodo di tregua nella lotta in merito alla pedonalizzazione di via dei Fori Imperiali che da mesi divide i romani e causa non pochi problemi in Campidoglio. I commercianti dicono sì alla pedonalizzazione dei Fori. E’ quanto emerge dall’incontro tra il presidente di Confcommercio Roma, Giuseppe Roscioli, e il sindaco Ignazio Marino tenutosi lunedì mattina in Campidoglio. Durante il vertice – cui hanno preso parte anche l’assessore a Roma produttiva Marta Leonori e all’assessore alla Mobilità e ai Trasporti Guido Improta -, Roscioli ha illustrato a sindaco e assessori alcune iniziative intraprese da Confcommercio per stimare l’impatto della nuova circolazione, in seguito alla chiusura al traffico privato di via dei Fori Imperiali, «esprimendo sostegno – scrive in una nota il Campidoglio – all’obiettivo dell’amministrazione capitolina di giungere alla pedonalizzazione totale». Dal canto suo il presidente capitolino della Confcommercio e di Federalberghi Giuseppe Roscioli ha voluto chiarire: «Sono sempre stato chiaro: questa finta pedonalizzazione ha creato solo malumori e disagi. Una pedonalizzazione totale di via dei Fori Imperiali invece – ha spiegato – sarebbe un valore aggiunto enorme per la città e per il mondo intero poiché avremmo la più grande area archeologica del mondo».

A distanza di due mesi dalla chiusura al traffico tra via dei Fori e largo Corrado Ricci proseguono comunque le proteste dei residenti e dei negozianti della zona. Il Comitato difesa Esquilino-Monti «Roma Caput Mundo» minaccia: «Se il sindaco continuerà a non ascoltarci siamo pronti ad invadere il Colosseo. Faremo una gigantesca manifestazione davanti a tutto il mondo». A margine dell’incontro, il sindaco Marino ha manifestato al presidente Roscioli «la grave preoccupazione per le attuali vicende interne alla Camera di Commercio di Roma e l’auspicio che gli attori coinvolti giungano quanto prima a una definizione della governance». «Non è mia consuetudine né aspirazione interferire sulle nomine – ha precisato il sindaco – tuttavia, nel pieno rispetto delle prerogative della Camera di Commercio sui propri assetti, non posso che augurarmi una soluzione rapida. Roma Capitale ha bisogno di un interlocutore certo e legittimato, con il quale affrontare le numerose questioni legate alle attività economiche della città e ad alcuni progetti strategici, come la Fiera di Roma e lo sviluppo del settore dei convegni, il futuro delle piccole e medie imprese, la valorizzazione dell’Aeroporto di Fiumicino e la dotazione infrastrutturale a supporto».

Altre videonews su Cronaca:

Borseggiatrice all’ottavo mese di gravidanza pizzicata a Barberini

Truffe vip, al Madoff dei Parioli sequestrato un attico a Londra

Pizzicato libanese latitante, era ospite in un B&B a Prati

Print Friendly, PDF & Email
Share.