L’antica Roma rivive al Circo Massimo fino al 15 settembre con i “Ludi romani”

5

Nel corso dei vari appuntamenti sui quali è articolato il festival, saranno allestiti spazi legati alle attività più importanti, dove si muoveranno i protagonisti dell’epoca: soldati, senatori, matrone, schiavi e uomini comuni, impegnati a vivere e sopravvivere a Roma.

(MeridianaNotizie) Roma, 9 settembre 2013 – A partire da oggi, fino al 15 settembre, il Circo Massimo ospiterà i ‘Ludi Romani’, un’iniziativa che si propone di raccontare la cultura e la civiltà romana, coniugando ricerca filologica e intrattenimento, approccio scientifico ed esperienza emozionale, riflessione e divertimento. A sostenere ‘Ludi Romani’ è Promoroma, un’azienda speciale della Camera di Commercio, che si occupa di turismo e valorizzazione dei beni culturali. “A Roma abbiamo la necessità di promuovere il turismo, perché su di esso vivono e crescono molte aziende, quindi noi, come Promoroma, abbiamo deciso anche quest’anno di sostenere l’iniziativa e di apportare anche qualche novità – spiega Roberto Novelli, direttore generale di Promoroma – ad esempio promuovere il festival come pacchetto turistico, presentare attività artigianali legate all’Impero romano e realizzare, insieme ad Azienda Romana Mercati, un opuscolo illustrativo sulla cucina dell’antica Roma”. ludi romani3

La manifestazione, giunta ormai alla quarta edizione, è strutturata sulla falsariga di alcuni festival europei, impegnati nella divulgazione e promozione del patrimonio culturale legato alla civiltà romana. Questa vocazione internazionale ha fatto sì che si creasse un dialogo costruttivo con paesi come la Spagna, la Germania e la Polonia. Fin dalla prima edizione e’ nata una collaborazione con il festival di ‘Tarraco viva’, la più gran kermesse del genere che si svolge ognimanno a Tarragona, in Spagna. Nell’edizione 2013, Ludi Romani ospiterà, inoltre, ‘Arde Lucus’, un importante evento sulla civiltà romana che si tiene a Lugo, in Galizia (Spagna), città patrimonio mondiale dell’Unesco. L’offerta culturale prevede la realizzazione di numerose attività come rappresentazioni teatrali, dimostrazioni di giochi, parate militari, letture e conferenze, appuntamenti enogastronomici, visite guidate, con l’obiettivo di divulgare al grande pubblico la conoscenza della cultura e della civiltà romana.

Nel corso dei vari appuntamenti sui quali è articolato il festival, saranno allestiti spazi legati alle attività più importanti, dove si muoveranno i protagonisti dell’epoca: soldati, senatori, matrone, schiavi e uomini comuni, impegnati a vivere e sopravvivere a Roma. I siti interessati sono stati scelti in base a criteri quali visibilità, importanza del circuito museale e necessità di valorizzazione. Il festival, da quest’anno, vuole rappresentare un ponte tra il mondo della cultura e quella del lavoro, da qui l’idea di convolgere in una manifestazione ad hoc, chiamata “In venienda”, start up dei beni culturali. “Ludi Romani non è solo una manifestazione, ma anche un progetto, – afferma Giulio Ranaldi, direttore artistico di ‘Ludi Romani’– articolato in molti appuntamenti che si terranno nel corso dell’anno, come ad esempio un convegno sulla cultura a Roma e la manifestazione ‘in venienda’ sul tema delle start up dei beni culturali, perché riteniamo la cultura il tesoro principale e la vera materia prima su cui l’Italia, e Roma nello specifico, deve investire. ludi romani2

Stiamo cercando di veicolare un messaggio culturale positivo, senza dare giudizi né morali né politici sull’impero romano, noi lo raccontiamo, con le sue luci e le sue ombre, cercando, attraverso dei criteri storiografici, di dare un’immagine reale, senza filtri, della storia”. Per quanto riguarda l’affluenza, Ranaldi è ottimista: “L’anno scorso la kermesse ha attratto circa 12mila visitatori, negli anni precedenti oscillavamo tra i 6 e gli 8mila. Quest’anno puntiamo a dei numeri molto più alti, 50mila persone, e la scelta di una location come il Circo Massimo è stata una scelta strategica”.

Il servizio di Mariacristina Massaro

Altre videonews su Eventi:

Costanza Nisi è anche Miss Lazio 2013, eletta al Porto Turistico di San Felice Circeo

Venezia, Leone d’oro a ‘Sacro GRA’ di Gianfranco Rosi, Italia torna a vincere dopo 15 anni

Campidoglio, Marino inaugura l’ufficio del Sindaco per i rapporti con i cittadini

Print Friendly, PDF & Email
Share.