“Non uccidete i delfini” l’Enpa protesta davanti l’ambasciata del Giappone

1

GUARDA IL VIDEO

La portavoce della protesta ha incontrato l’ambasciatore del Giappone per chiedere un impegno concreto delle istituzioni.

(MeridianaNotizie) Roma, 2 settembre 2013 – Ventiduemila delfini vengono uccisi ogni anno in Giappone, perché considerati competitori nella pesca; i delfini più piccoli, sono invece catturati per essere venduti alle strutture di cattività di tutto il mondo. Sono i dati diffusi dal piccolo gruppo di manifestanti dell’Enpa (Ente Nazionale Protezioni Animali), che per il “Japan Dolphins Day 2013”, la giornata mondiale contro il massacro dei delfini, si sono dati appuntamento  sotto i cancelli dell’ambasciata Giapponese per protestare pacificamente contro le mattanze dei cetacei, come ci spiega il direttore scientifico Ilaria Ferri. “Oggi siamo qui a Roma come in altre 107 città di tutto il mondo per protestare contro i massacri di delfini in Giappone e contro la cattività. Chiunque si rechi in un delfinario deve sapere di essere complice e corresponsabile di queste terribili mattanze” delfini2

Per la prima volta quest’anno l’ambasciata giapponese ha deciso di aprire le porte al dialogo dando udienza alla portavoce della protesta Ilaria Ferri, che ha consegnato all’Ambasciatore una copia del film documentario “The Cove”, premio Oscar 2010.

Il servizio di Diana Romersi

Altre videonews di Cronaca

Pedonalizzazione dei Fori sotto esame: continua la protesta dei cittadini. Pronte nuove manifestazioni

Tornado devasta l’est del Giappone, le immagini trasmesse in diretta tv

Sciopero trasporti, Cotral e Atac incrociano le braccia il 9 settembre. Rientro amaro per gli studenti

Print Friendly, PDF & Email
Share.