Pedonalizzazione Fori, Belviso tra i commercianti: “Marino firmi per Referendum”

1

GUARDA IL VIDEO

Secondo i commercianti  di via Labicana e via Merulana dopo la deviazione del traffico si è registrato un “crollo completo”

(MeridianaNotizie) Roma, 11 settembre 2013 – Calo dei clienti, corsie troppo strette, assenza di parcheggi e mancanza di un progetto. Questi sono alcuni dei problemi rilevati dai belvisocommercianti e residenti di via Labicana e via Merulana a causa della pedonalizzazione dei Fori Imperiali.

“Il sindaco Marino deve avere il coraggio di affrontare i cittadini “. Ha sottolineato Sveva Belviso, capogruppo Pdl al consiglio comunale di Roma Capitale, che questa mattina è stata protagonista di una passeggiata tra le vie maggiormente interessate dalla pedonalizzazione dei Fori per capire quanto realmente ha influito la decisione del primo cittadino.

Dopo la deviazione del traffico si è registrato “un crollo completo, è calato tutto. – spiegano i commercianti – Inoltre le corsie sono molto strette e nel caso si fermasse una macchina si bloccherebbe tutto, senza contare che se un autobus dovesse sbandare farebbe una strage. Non ci sono parcheggi, compresi quelli riservati ai disabili. Questa mancanza – sottolineano – ha comportato, per quanto riguarda il nostro esercizio commerciale, un calo dei clienti e molte difficoltà per i fornitori che sono stati privati degli spazi destinati al carico e allo scarico merci.”

Alla luce di questi disagi Sveva Belviso ha ricordato che “chiedemmo di poter visualizzare il progetto ma in realtà un vero e proprio progetto non esiste. L’unico atto riguardante la pedonalizzazione è una determinazione di un ufficiale dei vigili urbani che modifica la viabilità.”

Secondo Belviso “uno dei tanti problemi di questa iniziativa è stata la totale mancanza di comunicazione tra il Comune e residenti e commercianti della zona. Marino, nonostante il caos che si è venuto a creare, ha avuto l’arroganza di affermare che per lui la pedonalizzazione è una cosa fatta ma non è così. Noi invece – sottolinea – sosteniamo le iniziative dei cittadini e saremo qui, in via Merulana e in via Labicana, domani e venerdì alle 16 per raccogliere le 1500 firme per il referendum che restituirà la libertà di scelta ai cittadini.”

Altre videonews di Roma Capitale

11 settembre, la Capitale ricorda le vittime dell’attentato alle Torri Gemelle

Metro C, Sindacati: accordo positivo ma gli stipendi non pagati restano

Papa Francesco, Marino: ieri il Santo Padre mi ha chiesto “Ma la bici dov’è?”

Print Friendly, PDF & Email
Share.