Quale futuro per l’istituto della mediazione civile? Se n’è parlato a Roma

1

GUARDA IL VIDEO

Un confronto diretto tra i rappresentati degli organismi di mediazione e delle sedi locali, soprattutto privati, per individuare le opportunità di miglioramento

(MeridianaNotizie) Roma, 20 settembre 2013 – Bisogna fare squadra, cioè creare nuove relazioni operative fra gli imprenditori della mediazione civile. Questo il mediazione civileprincipale obiettivo del 1° Meeting Nazionale della Mediazione Civile organizzato nella Capitale e fortemente voluta dall’Associazione Primavera Forense.

A seguito della reintroduzione della mediazione civile obbligatoria è più che mai necessario, secondo l’avv. Giovanni Giangreco Marotta, presidente di Primavera Forense e coordinatore dei lavori, un confronto diretto tra tutti i rappresentati degli organismi di mediazione e delle sedi locali, soprattutto quelli privati, per attuare un reciproco confronto e individuare le opportunità di miglioramento.

La mediazione civile è un istituto le cui prospettive feconde risultano sempre più evidenti: a confermarlo, tra l’altro, i risultati resi noti dalla Camera di Commercio di Milano, che attraverso la Camera Arbitrale ha gestito, negli ultimi due anni, circa 2mila casi di mediazione con la positiva risoluzione della metà delle controversie. Numeri incoraggianti che inducono a ritenere la mediazione civile una sorta di “stella polare” per i naviganti del mare magnum delle controversie civili.

Altre videonews di cronaca

Ruba il rolex e scappa, il classico clichè napoletano

Pochi minuti per vendere i nuovi iPhone 5s e 5c: in Cina sul mercato nero si comprano al doppio

Nel quartiere africano a Roma sequestrati 50 kg di pesce

Print Friendly, PDF & Email
Share.