Scossa di terremoto di magnitudo 7.8 in Pakistan: creata nuova isola, 50 morti

1

L’epicentro del sisma è stato localizzato nella zona di Khuzdar, la scossa è stata avvertita anche a  Nuova Dehlipakistan 

(MeridianaNotizie) Roma 24 settembre 2013 – Un terremoto, di magnitudo 7.8, ha sconvolto il Pakistan e ha creato una nuova isola al largo di Gwadar. Il bilancio momentaneo si aggira  intorno ai 50 morti, la forte scossa si è verificata a 145 miglia a sud, sud-est di Dalbandin nel Baluchistan. Secondo il capo segretario della provincia, Babar Yagoob Fateh Mohammed «un grande numero di case sono crollate» nell’area di Awaram, epicentro della scossa. Segnalati anche edifici scolastici danneggiati. Si teme che molte persone siano sotto le macerie delle proprie abitazioni crollate nelle aree di Gwadar, Mashkel e Dalbadin.

L’epicentro del sisma è stato localizzato nella zona di Khuzdar, a una profondità di 28 chilometri. La scossa è stata avvertita anche in India, in particolar modo a Nuova Dehli. Il responsabile dell’Ufficio meteorologico pachistano ha precisato che «la popolazione nell’area colpita è molto sparsa» e che «la maggior parte delle case sono fatte di fango, mentre solo poche sono di mattoni o cemento».

Il terremoto che ha colpito oggi il Pakistan è stato superficiale ed è avvenuto in una delle zone più complesse della Terra, punto di incontro di tre placche tettoniche. «Il sisma è avvenuto alla profondità di poche decine di chilometri ed è quindi potenzialmente dannoso, ha colpito una zona vasta, ma molto poco popolata», ha osservato il sismologo dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), Ganluca Valensise.  Quello colpita oggi in Pakistan «è una delle zone più complesse della Terra poichè è il punto di incontro della placca Indiana, a Sud-Est, la placca Araba a Sud-Ovest e la placca Eurasiatica a Nord». «Abbiamo scoperto – ha aggiunto il sismologo – che il terremoto è stato generato da una struttura tettonica nota, chiamata faglia Kirthar, orientata in direzione Nord-Est». Secondo le prime stime la rottura della faglia potrebbe avere un’estensione notevole, fino a 200 chilometri e tocca la regione montuosa e deserta del Belucistan, affacciata sull’Oceano Indiano.  «In questa zona- spiega Valensise – si trova una catena montuosa con molti sistemi di pieghe, generati dal movimento di compressione causato dall’incontro delle tre placche». In questa zona, infatti, sia la placca Indiana sia quella Araba spingono contro la placca Eurasiatica e scivolano progressivamente sotto quest’ultima al ritmo, rispettivamente, di 4 e 2 centimetri l’anno. L’ultimo terremoto avvenuto in questa area e confrontabile con quello di oggi risale al 1935, a Quetta, con una magnitudo compresa fra 7,7 e 7,8

Altre videonews su Cronaca:

Nuovi sbarchi a Lampedusa, soccorsi quattro barconi di migranti eritrei e somali

Cade in trappola lo Spiderman dei Castelli Romani, era specializzato in furti

Falcognana, Presidio NO discarica: Zingaretti ci ha truffato! Venerdi 27 tutti al Ministero

Print Friendly, PDF & Email
Share.