Sicurezza stradale, Colombo e Appia Strade killer

2

La Cristoforo Colombo è tristemente famosa per la sua pericolosità: nel periodo sopracitato su di essa si sono verificati 3 incidenti. Sempre tra il 27 e il 28 agosto un grave sinistro si è verificato all’altezza della Regione Lazio, in zona Garbatella, tra una moto e una Mercedes

(MeridianaNotizie) Roma, 17 settembre 2013 – “La sicurezza stradale sembra uno dei nodi più problematici della Capitale, visto l’alto numero di incidenti che coinvolgono così frequentemente la città. Le motivazioni possono essere tante, dagli errori dei guidatori al frequente problema della mancanza di manutenzione del manto stradale e della segnaletica. Attraverso il monitoraggio delle maggiori notizie di cronaca, il Codici ha voluto scattare una fotografia dei più gravi incidenti stradali avvenuti dal mese di luglio fino ad oggi, scoprendo numeri sconcertanti: in meno di tre mesi, infatti, sono avvenuti ben 22 incidenti stradali gravi. Le strade più pericolose, secondo i dati a disposizione dell’Associazione, sono Prenestina, Cristoforo Colombo e Appia. A seguire, invece, troviamo la Roma-Fiumicino, l’Ardeatina e la Galleria Giovanni XXIII, con una media di due incidenti in poco più di due mesi”. Lo comunica, in una nota, Codici. “Nel dettaglio, la Prenestina è stata scenario di ben 4 incidenti, l’ultimo dei quali il 13 settembre, nel quale un centauro è stato ricoverato in ospedale codice rosso – prosegue la nota – Tra il 27 e il 28 agosto invece, due sinistri hanno interessato una donna di 75 anni, investita brutalmente da un’automobile mentre stava attraversando la strada e un’ambulanza, che si è capovolta dopo essersi scontrata con una Smart. Un altro incidente il 25 agosto, provocato da ubriachi in possesso di droga. La Cristoforo Colombo è tristemente famosa per la sua pericolosità: nel periodo sopracitato su di essa si sono verificati 3 incidenti. Sempre tra il 27 e il 28 agosto un grave sinistro si è verificato all’altezza della Regione Lazio, in zona Garbatella, tra una moto e una Mercedes. via.appia.nuova

Il 12 settembre, invece, è avvenuto un tragico e mortale incidente, sempre all’altezza del Palazzo della Regione. A perdere la vita un ragazzo di 28 anni in sella ad uno scooter. Domenica scorsa, infine, l’ultimo incidente sulla Colombo, che ha provocato una lunga fila dalla confluenza con la Pontina fino a Spinaceto. Anche l’Appia è spesso scenario di sinistri (3 dal mese di luglio), l’ultimo dei quali è avvenuto il 10 settembre, quando un’auto che procedeva in direzione Roma si è scontrato con due motocicli che viaggiavano in direzione opposta. Ad avere la peggio uno dei due motociclisti, morto per le gravi lesioni riportate. Altro incidente il 3 settembre, che ha visto il ribaltamento di una delle due vetture coinvolte e un ferito lieve. Il 27 agosto un altro incidente ha causato altri 4 feriti gravi. Questi i sinistri più gravi, ma ricordiamo che fatti di questo genere sono, purtroppo, all’ordine del giorno”. “La città necessita assolutamente di una maggiore attenzione rivolta alla prevenzione delle infrazioni del Codice della strada e una maggiore manutenzione del manto stradale – commenta Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale del Codici – A causare questa strage quotidiana, infatti, contribuiscono anche le condizioni del manto stradale, la segnaletica poco chiara o non più visibile perchè usurata, la mancanza di illuminazione adeguata, l’assenza di manutenzione, le strisce pedonali cancellate”.

Altre videonews di Cronaca

Writers beccati alla stazione Roma Tuscolana

Stephen Crohn, muore suicida l’uomo che non poteva contrarre l’aids

Denuncia il compagno dopo dieci anni di calvario familiare, arrestato un 35enne con precedenti

Print Friendly, PDF & Email
Share.