Vendevano case di lusso a prezzi low cost ma non erano i proprietari. Fermate 7 persone

0

Una volta ottenuti i documenti della casa, i truffatori riuscivano a svenderla e chiudere il rogito in tempi da record.

(MeridianaNotizie) Roma, 3 settembre 2013 – Proponevano case di lusso a prezzi low cost, un grande affare che si rivelava invece una vera truffa alla Totò.  Le offerte immobiliari riguardavano la zona centrale capitona, da Campo Marzio a Parioli, e appartenevano a proprietari sulla carta ineccepibili intenzionati a liberarsiTRUFFA PARIOLI 1 al più presto di un pezzo dell’eredità di famiglia. In realtà chi vendeva le abitazioni extralusso non aveva il titolo per farlo ma era solo l’affittuario dell’immobile. Una volta ottenuti i documenti della casa, i truffatori riuscivano a svenderla e chiudere il rogito in tempi da record.

Una doppia truffa ai danni sia del neo acquirente, poiché il vero padrone di casa non aveva mai messo in vendita l’immobile, sia nei confronti del proprietario che improvvisamente non risultava più titolare dell’immobile. Grazie ad un’organizzazione truffaldina impeccabile, gli autori dell’imbroglio hanno continuato ad agire indisturbati per mesi, mettendo in vendita 8 appartamenti altrui e ingannando anche numerosi notai incaricati di sottoscrivere la compravendita. A scoprire la truffa, un notaio fin troppo scrupoloso incaricato di approvare la vendita di un appartamento a piazza Bologna, proposto a settantamila euro. Fermati sette falsi affittuari nonché la mente del raggiro, l’ex commercialista Danilo Guadagnoli.

Altre videonews di Cronaca:

Papa Bergoglio ad Assisi il 4 ottobre: la Chiesa deve “spogliarsi” e ripetere il gesto di San Francesco

Stefano Cucchi è morto per malnutrizione. Pubblicate le motivazioni della sentenza

Cc tirano le somme: in 48h 60 arresti, 150 punti patente decurtati e 3 kg di coca sequestrati

Print Friendly, PDF & Email
Share.

Comments are closed.