Lino Micciché, alla Mostra del Cinema di Venezia l’omaggio del figlio

0

GUARDA IL VIDEO

Lino Micciché, scomparso nel 2004 a 70 anni, è stato uno storico e critico che non ha mai disprezzato la militanza politica.Tra i suoi lavori dietro la macchina da presa, vanno ricordati “All’armi siam fascisti”, sull’ascesa del regime di Benito Mussolini, scritto e realizzato insieme a Lino Del Fra e a Cecilia Mangini, e “L’Italia con Togliatti”

(MeridianaNotizie) Roma, 2 settembnre 2013 – “E’ la storia di mio padre raccontata da me, dal punto di vista di suo figlio: a nove anni dalla sua scomparsa, c’è una ragione di memoria sociale ma anche personale in questo film, avevo voglia di scoprire cosa aveva fatto mio padre nella sua vita perché serviva anche a me”, così Francesco Micciché descrive il documentario sulla vita di suo padre, uno dei più importanti critichi cinematografici del XX secolo, intitolato ‘Lino Miccichè mio padre. Una visione del mondo’, presente nella sezione ‘Venezia Classici’ della Mostra del Cinema in corso di svolgimento nella città lagunare.lino miccichè

“Spero che venga fuori quello che mio padre era: un organizzatore culturale, un critico cinematografico, un giornalista ma anche uomo delle istituzioni, presidente della Biennale di Venezia, del Centro Sperimentale di Cinematografia. Bruno Torri lo ha definito un ‘critico totale’: è proprio ciò che vorrei venisse fuori”, ha proseguito il cineasta italiano

Lino Micciché, scomparso nel 2004 a 70 anni, è stato uno storico e critico che non ha mai disprezzato la militanza politica, tant’è che nel 1968, al Festival del Cinema di Pesaro, da lui fondato tre anni prima, decise di abolire i premi, su richiesta di diversi studenti che li contestavano, introducendo una sorta di gestione assembleare della rassegna cinematografica.

Tra i suoi lavori dietro la macchina da presa, vanno ricordati “All’armi siam fascisti”, sull’ascesa del regime di Benito Mussolini, scritto e realizzato insieme a Lino Del Fra e a Cecilia Mangini, altri due grandi esponenti della corrente neorealista degli anni Sessanta, e “L’Italia con Togliatti”, dove insieme a molti cineasti, tra cui Citto Maselli, Libero Bizzarri ed Elio Petri, prova a raccontare la morte dello storico segretario del Pci.

Ha concluso il figlio del noto critico: “Caratterialmente questo lavoro non ha fatto emergere nulla di nuovo rispetto a quanto conoscevo di mio padre, ma ho scoperto che ha fatto tante cose che non sapevo. Ad esempio, tutto il suo lavoro al Centro Sperimentale nel quadriennio in cui lo ha diretto: lui ha cambiato la Scuola Nazionale di Cinema”.

Altre videonews su Eventi:

Miss Roma Capitale 2013 sulle sponde del Tevere. La reginetta sarà incoronata all’Isola Tiberina

Benvenuti alla 63^ edizione della Sagra della Porchetta di Ariccia. In migliaia a gustarla in piazza

Torna “Una notte al Museo” a Roma: tanta musica, teatro e danza. Ecco il programma

 

Print Friendly, PDF & Email
Share.

Comments are closed.