Il figlio fa troppe marachelle e il padre esasperato lo colpisce con l’ascia. Orrore a Capannelle

1

A far scattare la furia dell’uomo sono state le accuse del vicino di casa che sosteneva che il 28enne lo aveva derubato in casa. Il padre esasperato dalle continue malefatte del figlio, lo ha aggredito. La moglie terrorizzata ha allertato il 112 dei Carabinieri.

(MeridianaNotizie) Roma, 28 ottobre 2013 – La scorsa notte, i Carabinieri della Stazione Roma IV Miglio Appio hanno arrestato un cittadino romeno 55enne, incensurato, con l’accusa di tentato omicidio e lesioni colpose. L’uomo, al rientro dal lavoro, all’interno della propria abitazione di via Casale della Sergetta, in zona Capannelle, al culmine di un litigio con il figlio convivente, un 28enne che già si trovava ristretto agli arresti domiciliari, ha impugnato un’ascia e con il dorso, lo ha colpito al capo. L'ascia sequestrata dai Carabinieri

A far scattare la furia dell’uomo sono state le accuse del vicino di casa che sosteneva che il 28enne lo aveva derubato in casa. Il padre esasperato dalle continue malefatte del figlio, lo ha aggredito. La moglie terrorizzata ha allertato il 112 dei Carabinieri. La pattuglia intervenuta sul posto ha subito bloccato il 55enne e soccorso il figlio che è stato trasportato presso l’ospedale “Tor Vergata”, dove a causa delle lesioni riportate alla testa, ne avrà per almeno 10 giorni. Arrestato dai Carabinieri, il papà esasperato è stato associato al carcere di Regina Coeli, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Rinvenuta e sequestra dai militari dell’Arma anche l’ascia utilizzata.

Altre videonews di Cronaca

Scooter e borse piene di droga: arrestati due pusher a San Paolo e ponte Milvio

Omofobia, 22enne si getta dal palazzo. Il dolore per la discriminazione

VIDEO > E’ morto a 71 anni Lou Reed, addio al leader e cantante dei Velvet Underground

Print Friendly, PDF & Email
Share.