Italiano 19enne ucciso nel Kent a calci: “ci rubi il lavoro”

0

Aveva trovato lavoro da poco, in Inghilterra, ma aveva già aggiornato il suo profilo. Il ristorante gestito da napoletani dove faceva il cameriere è il Vesuvius Restaurant, una pizzeria al civico 26 di Lower Stone Street. E proprio quel lavoro, stando ai racconti, gli è costato la vita. «Sei venuto qui a toglierlo a noi», gli ha detto la banda di giovani tra i 21 e 25 anni che lo ha ucciso.

(MeridianaNotizie) Roma, 23 ottobre 2013 – Un diciannovenne di Nibionno (Lecco), Joele Leotta, e’ stato ucciso a calci e pugni a Madistone, capoluogo del Kent da un gruppo di otto ragazzi del posto, tra i 21 e i 25 anni, che volevano impartire una lezione a lui e a un suo amico ”perché – questo il motivo come raccontato dal quotidiano ‘Il Giorno’ – rubavano il lavoro agli inglesi”. Joele Leotta era andato in Inghilterra per imparare l’inglese e, per mantenersi, aveva trovato impiego con l’amico in un ristorante della zona. E’ qui che i giovani inglesi hanno cominciato a importunare i due amici, accusandoli di rubare lavoro agli inglesi e, quando ormai i due ragazzi lecchesi erano nel loro alloggio, gli otto hanno fatto irruzione e li hanno massacrati, uno di loro avrebbe anche usato un coltello contro Leotta. L’amico ha avuto lesioni al collo, alla testa e alla schiena: è ancora in ospedale ma sarebbe fuori pericolo. italiano-ucciso-kent1

Italiano ucciso nel Kent – i commenti su Facebook : «Ho trovato lavoro in un ristorante italiano con origini napoletane e ora sto imparando a fare il cameriere. Davvero tutto perfetto, donne ovunque», scriveva Joele Leotta solo il 17 ottobre. Cinque giorni prima di essere ammazzato a calci e pugni da una gang del posto. Siamo in Inghilterra, a Madistone, capoluogo del Kent. Joele era arrivato da poco in città, una nuova avventura per un ragazzo di appena 19 anni ma già con tante esperienze alle spalle.

«Sto conoscendo dei ragazzi italiani che lavorano con me che sono stra scialati :) quindi x ora va!», rispondeva sempre il 17 ottobre su Facebook a un amico che gli chiedeva dove fosse andato a finire dopo gli studi all’Istituto Tecnico Commerciale Gandhi di Besana in Brianza. Gli amici, le donne, il tifo per l’Inter: dai posto di Joele sul social network viene fuori un ragazzo solare e vivace, con tanta voglia di conoscere il mondo e gente diversa.

Altre videonews di Cronaca

“Ciao amore passo più tardi, mi ha fermato la Polizia”: le ultime parole del pusher prima dell’arresto

Appuntamento al buio fatale, prima rimorchia poi rapina. Fermati in 5 a San Basilio

Spacciavano all’uscita da scuola, beccati due minorenni. Negli zaini hashish e soldi

Print Friendly, PDF & Email
Share.

Comments are closed.