L’ordine dei veterinari al fianco della lotta contro il maltrattamento animale: no al traffico di cuccioli

1

 “Per prima cosa- afferma Donatella Loni presidente dell’Ordine dei medici veterinari di Roma e provincia – dobbiamo ringraziare i carabinieri, le forze di polizia ed il magistrati che rendono possibile l’operazione di contrasto al gravissimo fenomeno dell’importazione illegale di cuccioli dall’Est Europa.

(MeridianaNotizie) Roma, 18 ottobre 2013 – “L’ordine dei medici veterinari di Roma è al fianco delle autorità contro la barbarie del traffico degli animali. Da molti anni il traffico di cuccioli (cani e gatti in particolare) è una attività malavitosa redditizia ed in espansione, contro la quale sono impegnate con forza e determinazione le Istituzioni, le Forze di Polizia ed i carabinieri, il mondo della veterinaria. E le Associazioni ambientaliste”. Così l’ordine dei medici veterinari di Roma. traffico-cuccioli2

“Prova ne sono i continui fatti di cronaca che si stanno susseguendo e che vedono sequestrati cuccioli importati dall’Est europeo dai quali emerge sempre più chiaramente un sistema malavitoso ai danni degli animali e anche degli utenti finali – si legge nel comunicato – Animali maltrattati, malnutriti e spesso malati vengono infatti portati in Italia e si costruisce la documentazione che permette di dire che sono nati in Italia. La tortura del viaggio, per incanto svanisce. Chi compra uno di questi cuccioli, immagina di comperare un animale nato in Italia e lo paga per tale, pensando di fare un buon affare ma in realtà si tratta di frode ai danni del consumatore oltre che di maltrattamento degli animali. Nessun dubbio, dunque, sull’impegno della nostra Professione nel contrastare il commercio illegale di cuccioli dai Paesi dell’Est, fedelmente fotografato dal Manuale operativo sulle procedure per il commercio di animali realizzato dalla FNOVI, dal Ministero della Salute e dalla LAV. Il traffico illecito dai Paesi dell’Est di animali, cani e gatti, e specie esotiche protette dalle convenzioni internazionali tuttavia non diminuisce in barba alle normative vigenti in materia di movimentazione animale e nuovi casi vengono scoperti con sempre maggiore frequenza. I casi di Padova e di Roma sono solo gli ultimi in ordine di tempo”.

“Per prima cosa- afferma Donatella Loni presidente dell’Ordine dei medici veterinari di Roma e provincia – dobbiamo ringraziare i carabinieri, le forze di polizia ed il magistrati che rendono possibile l’operazione di contrasto al gravissimo fenomeno dell’importazione illegale di cuccioli dall’Est Europa. Purtroppo, quelli che emergono non sono casi isolati. I fatti di questi giorni ci raccontano di una realtà diffusa e grave. Questo significa- continua Donatella Loni – che la legge ci voleva proprio, così è stato opportuno il Manuale operativo sulle procedure per il commercio di animali ed anche l’impegno di tutti i colleghi al fianco delle Associazioni, delle istituzioni e delle Forze di Polizia per contrastare il fenomeno. Finalmente possiamo dire che i controlli fanno emergere fatti inquietanti, che la denuncia non era esagerata”.

“Tutti gli Ordini dei medici veterinari sono convinti sostenitori di questa battaglia di civiltà. Le informazioni parlano di indagini, perquisizioni ed arresti in varie province italiane. Purtroppo, dalla cronaca emergono anche sospetti di coinvolgimento di medici veterinari – si legge nel comunicato – Certamente per il caso che più da vicino ci riguarda, quello relativo al sequestro di 15 cuccioli ed una scimmia alle porte di Roma, il Consiglio dell’Ordine è stato già allertato ed attendiamo di avere a disposizione le carte relative alle indagini e l’Ordine farà le opportune verifiche. Se dimostreranno un comportamento doloso da parte del collega, potrebbero comportare per il professionista una severa sanzione disciplinare, con sospensione dall’esercizio dell’attività fino anche alla radiazione dall’Albo. Lo faremo nel rispetto della legge e del nostro codice deontologico. Il veterinario è il primo garante del suo benessere degli animali e della loro salute e le migliaia di cittadini che si rivolgono a noi per la cura dei propri animali debbono continuare ad avere fiducia in noi con la certezza che agiremo sempre in scienza e coscienza”.

Altre videonews di Cronaca

Al via il week end di fuoco della Capitale tra manifestazioni e partite, ecco le deviazioni al Tpl

Terracina, facevano le acrobazie per ..rubare: arrestati sette ladri contorsionisti

Via Cassia, uomo investito da moto: è codice rosso

Print Friendly, PDF & Email
Share.